Prosegue l'omaggio della Rai a Gigi Proietti. Dopo la riproposizione del varietà Cavalli di battaglia e della fiction Preferisco il Paradiso, per la terza sera consecutiva il compianto attore romano è protagonista su Rai1, stavolta con una puntata di Ulisse-Il piacere della scoperta di Alberto Angela. Il noto conduttore e divulgatore ha deciso di riproporre l'episodio dedicato a a Cleopatra, trasmessa per la prima volta nel 2018. Andrà in onda stasera, mercoledì 4 novembre, alle 21.25.

La puntata di Ulisse con Gigi Proietti

La puntata "Cleopatra, la regina che sedusse Roma" (già disponibile su Raiplay), racconta la storia della celebre regina egizia e venne seguita da 3 milioni e mezzo di spettatori il 6 ottobre 2018. Proietti vi recita l'orazione di Antonio in morte di Cesare dal Foro Romano. "Quando ha iniziato a recitare ci siamo fermati tutti, non vedevamo più Proietti, ma la Storia" aveva detto Angela all'epoca. Proietti è apparso anche nella stagione 2019, negli episodi dedicati alla Gerusalemme dei tempi di Gesù, Leonardo Da Vinci, Maria Antonietta e Ben Hur, e in quella del 2020, nelle puntate su Roma, Raffaello Sanzio, Elisabetta II e Kennedy, trasmesse poche settimane prima della sua scomparsa.

L'omaggio di Alberto Angela a Gigi Proietti

Alberto Angela è stato tra i primi che ha manifestato cordoglio sui social alla notizia della morte di Proietti. Il conduttore ha ammesso di essere rimasto "particolarmente scosso" alla scomparsa di "un gigante del palcoscenico italiano che lascia un vuoto incolmabile".

Quando ti trovavi davanti a lui, alla sua arte, alla sua persona, ti rendevi conto di essere davanti ad un fuoriclasse, ad un artista unico che sapeva coinvolgerti in modo totale in ogni tipo di rappresentazione. La sua arte non era mai ostentata ed era sempre in grado di mettere a proprio agio le persone con cui aveva a che fare. Negli anni in cui abbiamo collaborato, non ho avuto solo la fortuna di conoscere le sue doti professionali che tutti abbiamo avuto modo di apprezzare. Con la sua umiltà, la sua umanità e la sua semplicità, Gigi è stato uno degli uomini più veri, rispettosi ed umani che abbia mai incontrato.