Provate a sussurrare all'orecchio di un uomo tra i 25 e i 40 anni le parole "cattivi pensieri". Gli si illumineranno gli occhi e non sarà per una maliziosa eccitazione, né per il riferimento ad un film di Ugo Tognazzi. La mente, trasportata dalla nostalgia, viaggerà a ritroso tornando ai ricordi di nottate afose di fine anni '90/inizio 2000, volume al minimo di un televisore col tubo catodico, porte socchiuse e porno soft. Cattivi Pensieri era il memorabile contenitore notturno di film a luci rosse in onda sull'emittente campana Telecapri. Rievocato nostalgicamente oggi da pagine Facebook come questa, capaci di tirare fuori il meglio da quanto siano riuscite a produrre le tv locali campane nell'era pre-digitale, quello di Cattivi Pensieri era il migliore dei porno possibili in tempi in cui le connessioni internet veloci erano solo una proiezione futuristica. Censura, nessun organo sessuale esplicitamente mostrato, un trionfo di vedo non vedo che, confrontato al materiale reperibile oggi, si può definire erotismo alla stregua di un romanzo Harmony. Rico

Cattivi Pensieri è sparito dai palinsesti di Telecapri circa 5 anni fa, "principalmente per proteste e contestazioni da parte di associazioni dei genitori e di stampo clericale", ci spiega Ada Gargiulo, responsabile della programmazione di Telecapri. Vicende che hanno portato la rete ad affrontare vicissitudini legali piuttosto impegnative:

Abbiamo avuto una miriade di cause e problemi, sia amministrativi che penali. Oltre alle multe, nonostante seguissimo la fascia notturna, nonostante ci fosse l'avviso che tutto era rivolto ad un pubblico adulto, nonostante ci fossero tutte le accortezze del caso, da bollino rosso a divieto ai bambini, abbiamo avuto una serie di problemi che ci hanno portato alla decisione di non trasmetterlo più.

A un certo punto, in pratica, non aveva più senso trasmetterlo, troppi i rischi e scarsi i benefici: "Il gioco non valeva la candela, gli ascolti erano quello che erano e abbiamo avuto multe amministrative che sono state abbastanza salate, anche se poi penalmente non è successo nulla perché i giudici della sezione penale hanno deciso che effettivamente non c'era stato alcun reato, perché avevamo usato tutti gli accorgimenti del caso, però sui soldi, in relazione alle sanzioni dell'Agcom, bisogna sempre pagare".

La censura e la pornografia su internet

Cose che, a sentirle oggi, sembrano un po' fuori dal tempo. Pochi giorni fa uno dei pornodivi più celebri al mondo faceva luce su una problematica concreta, affermando che "oggi, un bambino di dieci anni può accedere liberamente ad una miriade di contenuti porno sul web, ma non credo sia in grado di elaborarli correttamente". Considerazione che ci farebbe pensare ai film di Cattivi Pensieri come a una briciola. Tant'è vero che la stessa Telecapri continuava a mandare in onda i film fino a qualche anno fa considerandoli probabilmente dei cult, prodotti d'essai che con la pornografia avevano ben poco a che fare. Lo conferma proprio Ada Gargiulo:

La censura e internet non c'entrano, perché un conto è andare a vedere il mero porno su internet, altra cosa era vedere quelli che, anche se con poche pretese, erano pur sempre dei film.

Cattivi Pensieri non ritornerà in onda

Circolava, nelle ultime settimane, la presunta notizia di un ritorno in onda di Cattivi Pensieri, con tanto di presunta messa in onda del film girato a Emigratis da Rocco Siffredi con Pio e Amedeo "Pierino col pesce ancora", rivisitazione hard dei cult anni '80 con Alvaro Vitali. Vista la ghiotta occasione, la domanda è lecita, ma la risposta è negativa, si tratta di una bufala ben costruita: "Non c'è stato alcun comunicato da parte nostra e non è nostra intenzione, perlomeno a breve, di riprendere il ciclo". A tutti i nostalgici in ascolto, non resta che sperare in quel "a breve"…