video suggerito
video suggerito

Super Vicki, la serie sulla bambina robot è pronta al rilancio

Le avventure della bambina robot pronte a tornare in una nuova sit-com prodotta dalla AMC. Stando ad alcune fonti vicine al network, si vuole spingere sullo “sci-fi per tutti” dopo il massiccio investimento per la serie tv “Humans”.
3.033 CONDIVISIONI
Immagine

"She's a small wonder…", è una piccola meraviglia. Partiva così la sigla di "Super Vicki", se ne ricorderanno bene tutti quelli che sono cresciuti negli anni '80. La sit-com americana con la piccola Tiffani Brissette è diventato un vero e proprio cult negli Usa, così come in Italia e, stando ad alcune indiscrezioni provenienti dagli States, sarebbe in piedi un progetto per riproporre le avventure della bambina robot in una chiave completamente rivisitata. Del resto il paradigma non è di certo cambiato rispetto agli anni '80, la robotica ha compiuto passi da gigante ed immaginare un robot senziente come Vicki, utilizzata come tuttofare per le faccende di casa resta un tema affascinante anche trent'anni dopo.

Vicki è un robot progetto e costruito da Ted Lawson allo scopo di aiutare i bambini portatori di handicap, ma per un periodo di sperimentazione più o meno lungo, Lawson deciderà di tenerla in affido nella sua famiglia, come una figlia adottiva. Data la segretezza del progetto, Lawson dovrà cercare di tenere nascosto il segreto a tutti, tra questi i vicini Brindle, cattivi e invidiosi, su tutti la loro pestifera figlia Harriet.

Le situazioni comiche che scaturivano dalla serie, con la piccola robot che cercava di riprodurre meccanicamente gli insegnamenti di Ted sul comportamento umano, ne hanno fatto un prodotto di successo per 4 stagioni ed un totale di 96 episodi. Fonti vicine alla AMC, il network che ha prodotto e distribuito The Walking Dead, Mad Men e Breaking Bad, riferiscono che il reboot è in fase embrionale. L'indiscrezione tiene, in ragione del fatto che la AMC avrebbe bisogno di spingere sul genere della fantascienza in un prodotto per tutti, dopo gli investimenti fatti per "Humans", serie costata 12 milioni di dollari ed ambientata in un presente parallelo dove gli androidi vengono utilizzati dagli esseri umani per qualsiasi tipo di scopo. Nell'attesa di nuovi sviluppi, intanto continuiamo a cantare la canzoncina. "She's fantastic, made in plastic". 

3.033 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views