Fuoco amico su Barbara d'Urso da parte di Striscia La Notizia? È la domanda spontanea di queste ore, sollevata da una serie di eventi in sequenza che descrivono un quadro piuttosto chiaro, a volerlo guardare con una certa malizia. Nella puntata di lunedì 25 novembre, Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti scelgono di lanciare la trasmissione di Carmelita con un'ironia che, per sua stessa essenza, è facilmente equivocabile: "Posso dire una cosa, era così una bella serata ma adesso c’è Live-Non è la D’Urso“, dice Ezio Greggio. La risposta di Iacchetti non è da meno:Non sia giù di morale, lo dice il titolo stesso non c’è la D’Urso”. Greggio chiude così: “Menomale che bella notizia".

Striscia contro D'Urso, cosa è successo in queste ore

Che Striscia La Notizia sia un luogo televisivo franco in cui non si risparmia nessuno, nemmeno i programmi della rete, è cosa nota. Ma le parole dei due vanno ad incrociarsi, per puro caso, con un fuori onda che catapulta Ezio Greggio al centro di una nuova polemica, dopo quella ben più seria che lo aveva riguardato nei giorni scorsi, relativa alla cittadinanza onoraria di Biella e Liliana Segre. Il contesto è quello della registrazione di una puntata del Tg satirico ideato da Antonio Ricci, che Greggio conduce in questa fase con Iacchetti. Va in scena l'abituale siparietto tra due conduttori che si conoscono da anni, la cui efficacia come coppia comica è determinata soprattutto dal continuo prendersi in giro a vicenda. Nel fuori onda specifico, che Striscia ha pubblicato sul sito ufficiale il 23 novembre, Enzo Iacchetti fa fatica a trattenere le risate ogni qualvolta Greggio lo tocchi, cosa che blocca puntualmente la registrazione del lancio del servizio, costringendo i due a riprendere.

Il fuori onda in cui Ezio Greggio offende Barbara d'Urso

Il momento "incriminato" si verifica quando, nel caos generale, arriva sulla scrivania il cane che di tanto in tanto invade la scena. A quel punto Iacchetti lo manda via e così Greggio, che indicandogli la strada dice "Vai dalla D'Urso che è una collega". In poche ore la frase è finita al vaglio dell'opinione social, che ha decretato quella di Greggio sia stata un'offesa bella e buona, ovvero il chiaro paragone della conduttrice di Live – Non è la d'Urso a una cagna. Parola che nel contesto dello spettacolo richiama a un'incapacità di fondo nel saper svolgere il proprio ruolo. E che in un contesto generale sarebbe un'offesa e basta.

Striscia ci è o ci fa?

Si tratta di un estratto dalla duplice chiave di lettura. Da una parte risulta difficile immaginare che la redazione di Striscia scelga di pubblicare un contenuto di questo tipo, facilmente fraintendibile e potenzialmente in grado di mettere in difficoltà il conduttore, la cui figura è stata già molto discussa nei giorni scorsi e per ben altre ragioni. Dall'altra, conoscendo il tipico approccio cui Striscia ci ha abituati in questi anni, non è escluso che il fuori onda sia finito online proprio con l'obiettivo di generare una polemica e solleticare il sentimento di indignazione latente attorno a un virgolettato certamente ambiguo. Obiettivo che, nel caso, sarebbe già raggiunto, vista la stesura di questo articolo che avete avete appena finito di leggere.