10 Aprile 2013
21:24

Stop a spot contro omofobia in Rai: contiene le parole Gay e Lesbica (VIDEO)

Giace da tempo in Rai, inutilizzato, uno spot contro l’omofobia commissionata dall’azienda pubblica. La motivazione sarebbe che lo spot contiene le parole Gay e Lesbica. Indignazione anche dal mondo della politica, Scalfarotto: “Non si tratta di parolacce”.
A cura di Andrea Parrella
spotaraicensurato

La notizia circola da qualche ora, emerge dai gruppi interni alla Rai ed ormai anche il video è visibile su internet senza troppe difficoltà. Si tratta di uno spot Rai contro l'omofobia, per altro molto efficace nel lancio del suo messaggio: si vedono diversi ragazzi apparire dinanzi alla telecamera, e ad ognuno viene attribuita una caratteristica; tra i tanti ne passano due, un ragazzo e una ragazza, gay e lesbica, e alla fine dello spot compare la frase "e non c'è niente da dire".

Uno spot innocente e leggero per campagne che la tv pubblica dovrebbe proporre costantemente. Eppure pare che questo filmato, pronto da un paio di mesi, sia depositato in azienda e non venga utilizzato. La motivazione addotta dall'azienda sarebbe proprio il peccato originale (ma anche l'unico senso) dello spot, ovvero il contenere le parole Gay e Lesbica. Chiaramente si tratta di una presupposizione, eppure oggi anche il mondo della politica è insorto contro questa decisione. Ivan Scalfarotto, deputato del Pd, ha affermato categoricamente, indignato, che: "Queste parole non sono parolacce ed è inutile dargli un'accezione negativa. La conoscenza è la base della convivenza".

A far circolare la notizia sarebbe stata l'agenzia che si è occupata della realizzazione dello spot, la AgenParl, che avrebbe appreso proprio negli ultimi giorni la motivazione per la quale lo spot sia stato bloccato. Ci si chiede che fine farà questo prodotto, non solo per il valore civico che lo spot dovrebbe avere, ma anche per gli eventuali costi che avrà comportato al servizio pubblico, che rimarrebbero chiaramente inutilizzati.

Aggiornamento 11 aprile ore 19.oo – Con un comunicato stampa la Rai smentisce sostanzialmente le voci circolate nella giornata di ieri, affermando che le tempistiche di messa in onda per lo spot erano previste a partire dal 13 aprile e che così effettivamente sarà. Ecco la nota integrale:

Lo spot di comunicazione istituzionale sull’Omofobia presentato alla Rai lo scorso 9 aprile e  promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sarà trasmesso dal  13 al 26 aprile  come previsto e pianificato con il Dipartimento dell’informazione e Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Roma, 11 aprile 2013

Lo spot del bacio gay
Lo spot del bacio gay
4.830 di AndreaParrella87
La Vita in Diretta
La Vita in Diretta "rivoluzionata", parola del Dg Rai Gubitosi
ll video country che racconta l'amore gay fa il pieno visualizzazioni su Youtube
ll video country che racconta l'amore gay fa il pieno visualizzazioni su Youtube
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni