Il 13 agosto 2020, alle ore 21:30 su Italia1, andrà in onda Le Iene per Nadia. Il programma di Davide Parenti ricorderà la conduttrice e inviata a un anno dalla morte. L'ideatore della trasmissione ha rilasciato un'intervista a Tv, Sorrisi e Canzoni, nella quale ha svelato cosa andrà in onda nel corso di questo appuntamento speciale: "Una puntata – omaggio in cui mostreremo tutte le cose belle che ha fatto con noi".

Le Iene per Nadia, cosa vedremo su Italia1

Davide Parenti ha raccontato cosa vedremo su Italia1 durante lo speciale Le Iene per Nadia. Andranno in onda "retroscena dei suoi servizi, momenti di gioia e fragilità, gli scherzi" che le venivano fatti dai colleghi e tanto altro ancora. Insomma, sarà possibile ripercorrere la carriera di Nadia Toffa a Mediaset, sin dal principio:

"Ricostruiremo i dieci anni di Nadia da Iena, dal primo servizio alle inchieste sull'Ilva di Taranto e sulla ‘terra dei fuochi'. La rivedremo a OpenSpace, la sua prima esperienza da conduttrice, in un talk con un'intuizione forte: usando le domande che arrivavano dalla rete, poteva intervistare gli ospiti senza filtri. […] È stata sempre diretta, ottimista. E sorridente fino all'ultimo. Credo che, ovunque sia ora, guarderà lo speciale e si farà grandi risate quando vedrà in tv gli autori e i registi, persino i più timidi, gente che davanti alla telecamera non c'era mai stata. Solo Nadia è riuscita a stanarli, a farli venire allo scoperto".

I colleghi ricordano Nadia Toffa

Davide Parenti ha ricordato con grande affetto Nadia Toffa: "Era energia pura, si buttava nelle cose con curiosità, non pensava mai ai pericoli. Una fuoriclasse generosa che lavorava per due. Un'amica su cui contare. Per me era come una figlia". Anche i colleghi hanno tracciato un ritratto dell'amatissima Nadia. Nina Palmieri ha ammesso di non riuscire ancora a trattenere le lacrime quando pensa a lei e l'ha descritta come "un frugoletto biondo: piccola, tosta e simpaticissima" ma anche schietta e onesta. Giulio Golia, invece, ha ricordato di come nell'ultimo periodo, Nadia Toffa cercasse la sua mano quando durante la realizzazione della puntata si sentiva particolarmente stanca. Filippo Roma sente la mancanza della sua risata. Straziante il ricordo di Matteo Viviani:

"Nella nostra ultima puntata insieme non ce la faceva a sedersi da sola sullo sgabello e la presi in braccio io. Ma lei riuscì a scherzare: ‘Uè, non allungare le mani, se no Ludmilla è gelosa'. Mi manca perché era genuina".