1.402 CONDIVISIONI
19 Gennaio 2014
10:05

Senza gambe e braccia, assunto come zombie in The Walking Dead

La storia di Nick Santonastasso, un quindicenne nato senza gambe e con un solo braccio che ha fatto della sua menomazione un punto di forza: è stato assunto come “zombie” in The Walking Dead dopo una serie di candid camera virali sui social network.
1.402 CONDIVISIONI

Un solo braccio ed un solo dito, senza gambe, è il quindicenne Nick Santonastasso che, armato di tanta ironia e gioia di vivere, è riuscito a fare della sua terribile menomazione un punto di forza. Dopo essersi aperto un account su Vine e su Instagram, è diventato famoso per i suoi "zombie prank", delle candid camera dove assaliva degli ignari clienti di un supermercato, nascondendosi tra i reparti. E' stato un escamotage utilissimo per attirare l'attenzione della produzione di "The Walking Dead", che lo ha chiamato a Tokyo e gli ha dato la possibilità di conoscere Greg Nicotero, il grande responsabile degli effetti speciali dello show e Andrew Lincoln, il protagonista della serie.

 

Lo scherzo a Daryl. Convocato nel Sol Levante, Nick ha esaudito il suo più grande desiderio: quello di indossare i panni di uno zombie vero. Truccato da Greg Nicotero e dal suo team, la produzione gli ha rivelato che avrebbe dovuto fare uno "zombie prank" a Norman Reedus, il tenebroso Daryl della serie creata da Robert Kirkman e Frank Darabont. Così per un giorno è stato protagonista della sua serie tv preferita, facendo prendere un gran bello spavento all'attore, ignaro che all'interno di un tavolino si nascondesse un "vero" zombie.

1.402 CONDIVISIONI
Invasione di zombie a Tokyo per
Invasione di zombie a Tokyo per "The Walking Dead 4"
Quanti zombie ci sono in The Walking Dead? Secondo un fan dovrebbero essere già finiti
Quanti zombie ci sono in The Walking Dead? Secondo un fan dovrebbero essere già finiti
Con The Walking Dead 4, adesso l'invasione arriva a Tokyo
Con The Walking Dead 4, adesso l'invasione arriva a Tokyo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni