La satira alla rovescia. Succede che per effetto di un improvviso trend sviluppatosi su Twitter domenica sera, durante l'ospitata del ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, molti telespettatori abbiano notato una notevole somiglianza tra la responsabile del nostro sistema scolastico e Sabina Guzzanti. O sarebbe meglio dire le maschere interpretate dalla comica romana, nota per aver imitato diversi personaggi, politici e non solo, nel corso della sua carriera, da Lucia Annunziata a Maria Elena Boschi, passando per Giorgia Meloni, Debora Serracchiani, Virginia Raggi, Daniela Santanchè e Lucia Annunziata. Senza dimenticare le imitazioni di Massimo d'Alema e di Matteo Salvini.

La satira si scomoda perché, inutile sottolinearlo, la presunta somiglianza tra Azzolina e Guzzanti viene letta nella chiave irridente, una somiglianza non di lineamenti, ma di espressione con le maschere interpretate in modo eccessivo da Sabina Guzzanti. Che dopo alcuni giorni in cui è stata chiamata in causa da molti utenti, si è vista quasi costretta a intervenire sulla questione via Twitter, ribaltando i piani e pronunciando una di quelle frasi tipiche dei personaggi politici quando vengono imitati o sono oggetto di satira, una frase che lei deve aver sentito spesso pronunciare sul suo conto: "Mi è stato riferito che la ministra #Azzolina va in giro facendo la mia imitazione. Sapete che di solito non amo questo genere di satira ma devo dire che la ministra è stata molto garbata e misurata. #bravaebella".

Il commento di Caterina Guzzanti

Al tweet non mancano le risposte divertite dei fan, ma anche della sorella di Sabina Guzzanti, Caterina, anche lei attrice e imitatrice, che ci scherza ulteriormente: "Anche secondo me, è un’imitazione garbata come piace a noi".