Sabina Ciuffini, la popolare ‘valletta parlante' del Rischiatutto di Mike Bongiorno, è stata l'ospite odierna di Oggi è un altro giorno. Il suo ruolo fu innovatore e rivoluzionario per la televisione, perché con lei ha avuto inizio un nuovo elemento per i quiz televisivi. Per la prima volta, venivano coinvolte nei dialoghi. Lei, a dispetto di tutto, non voleva essere famosa: "Io pensavo allo stipendio. Quando Mike mi diede l'occasione, mi resi conto di essere diventata famosa per caso. La televisione a quei tempi non la voleva fare nessuno perché erano gli anni del '68. E in quegli anni si considerava la televisione ‘bassa'."

Sabina Ciuffini ricorda Mike Bongiorno

Sabina Ciuffini ricorda il ruolo fondamentale che Mike Bongiorno ha ricoperto per la sua carriera e per la sua esistenza: "È stato per me un secondo padre. Mi avvisava, mi avvertiva. Mi dava consigli: guarda che a una donna non viene mai perdonato niente, mi diceva. Quindi, in quegli anni non ho fatto altro che lavorare. Quello che sono stata, lo devo solo a lui". Ha poi spiegato che non si aspettava tutta quella popolarità: "Alla quarta puntata mi sono resa conto che la mia vita sarebbe cambiata, perché non potevo più fare le cose di tutti i giorni, tipo prendere un autobus". 

Sabrina Ciuffini sulla televisione oggi

Interessante il passaggio in cui Sabrina Ciuffini parla del passaggio di Mike Bongiorno alla televisione commerciale: "Lui era entusiasta della televisione commerciale, ma aveva l'illusione di poter avere il controllo dei contenuti. Lui rimase deluso da questa deriva dei contenuti. Questa è una cosa che ha addolorato lui come me, perché partire da quella straordinaria televisione, osservarne e ammirarne gli artefici straordinari, grandi teste e grandi uomini, non dispero che questa scatola magica possa tornare a farci crescere e farci diventare più belli, migliori". 

La vita sentimentale di Sabrina Ciuffini

Il marito di Sabrina Ciuffini si chiama Franco Ceccarelli, da non confondere con il fondatore degli Equipe 84. Proprio sulla vita sentimentale, Sabina Ciuffini spiega: “Ho incontrato Franco per caso, al mare, ed è stato l’unico colpo di fulmine della mia vita, ma dopo sette anni ci siamo lasciati perché io ho fatto due bambini, uno dopo l’altro, e non avevamo ancora il carattere per stare insieme. Lui voleva girare il mondo, voleva seguire il buddismo e ho cresciuto i bimbi da sola. L’esclusiva non si chiede, si pretende rispetto e protezione". 

I lutti di Sabrina Ciuffini

Sabrina Ciuffini ha perso purtroppo suo fratello e sua sorella. Serena Bortone ha aperto il secondo segmento dell'intervista, quella di fronte allo specchio, proprio parlando di Virginia e di Mario. La sorella, di due anni più grande di lei, aveva ricevuto anche il midollo da Sabrina. Un gesto che le ha donato altri 10 anni di vita: "Era una donna che si è guadagnata tutto strenuamente. Uno straordinario impegno che le abbia portato uno stress eccessivo. Della leucemia non si sa niente, non si sa perché ti viene e quando è andata a donare il sangue, l'abbiamo scoperto". E sul fratello Mario: "Mi manca tanto anche lui, più giovane di cinque anni, era un uomo bellissimo".