5 Novembre 2010
10:23

Ruby e Berlusconi: la storia del Bunga Bunga ad Annozero, video

Ad Annozero Michele Santoro ricostruisce la vita di Ruby Rubacuori in un servizio andato in onda ieri sera su Rai 2.
annozero logo

Come annunciato ieri, la puntata del 4 novembre Michele Santoro ha parlato al caso Ruby-Berlusconi ad Annozero.

Ma, diversamente da quanto ci si aspettava, la giovane marocchina non era presente in studio.

L'abile Santoro parte con una ricostruzione della vita della neo 18enne di origini marocchine Karima, nota a tutti con lo pseudonimo di Ruby Rubacuori.

Ma l'obiettivo dichiarato del conduttore era quello di intervistare Nadia Macrì, la escort palermitana che ha appena dichiarato di aver avuto rapporti a pagamento con il Premier Berlusconi. Ma come al solito, la Rai ha bloccato tutto. E l'intervista non è andata in onda.

Il caso di Ruby e Nadia ricordano molto la storia di Patrizia D’Addario e si sottolinea come, nel nostro Paese, il Premier sia sempre al centro di scandali sessuali o di gaffe internazionali.

Ma oltre i rapporti sessuali eventuali, si sottolinea l'abuso di potere nel caso di Ruby, con le telefonate partite lo scorso maggio da Palazzo Chigi per garantire il rilascio della ragazza, allora minorenne, e l’affido alla consigliera della Regione Lombardia Minetti.

Ancora tanti dubbi sulla vita di questa ragazza e non si capisce ancora bene quale sia la verità. Ruby è una povera vittima del sistema o una ragazza senza scrupoli?

Lazzaro Langellotti

https://www.youtube.com/watch?v=N0AslOFC2cQ&feature=player_embedded
Ruby e Bunga Bunga ad Annozero: L'amore ai tempi di Berlusconi
Ruby e Bunga Bunga ad Annozero: L'amore ai tempi di Berlusconi
Ruby, Bunga Bunga e Berlusconi nell'intervista a Fede: video di Annozero
Ruby, Bunga Bunga e Berlusconi nell'intervista a Fede: video di Annozero
Ruby e il Bunga Bunga di Berlusconi cantati da Elio a Parla con me, video e foto
Ruby e il Bunga Bunga di Berlusconi cantati da Elio a Parla con me, video e foto
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni