Ritorna Rocco Schiavone. A più di un anno di distanza dalla messa in onda degli ultimi episodi, arriva su Rai 2 la quarta stagione della serie tratta dai racconti di Antonio Manzini, con protagonista Marco Giallini nei panni del vicequestore di Aosta. Una quarta stagione composta da due episodi tratti dagli omonimi racconti Rien ne va plus Ah… l'amore l'amore, usciti rispettivamente nel 2019 e nel 2020, che danno seguito alle vicende riguardanti Schiavone. Il vicequestore continua a vivere la sua esistenza a cavallo di uno spartiacque tra la sua vita precedente, piena di zone d'ombra e scheletri nell'armadio, e quella presente. Percorsi che, al netto della cesura temporale, finiscono inevitabilmente per intrecciarsi ed inseguire il personaggio interpretato da Giallini.

Il primo episodio andrà in onda su Rai2 mercoledì 17 marzo, quello successivo il 24 marzo. Per la gioia degli appassionati torna quindi una delle serie Tv più apprezzate degli ultimi anni, sia per l'aderenza tra i romanzi scritti e la resa filmica che per la compenetrazione tra Marco Giallini e il personaggio interpretato. L'attore romano ha più volte rimarcato come abbia sempre rivisto un po' di sé e delle proprie vicende personali nella storia di Schiavone, vedendo nel vicequestore una sorta di personaggio in cui rifugiarsi periodicamente.

Il cast e la regia di Rocco Schiavone

Alla regia di Rocco Schiavone torna ancora una volta Simone Spada, che traduce in materiale visivo la sceneggiatura scritta dallo stesso Antonio Manzini, autore dei romanzi, e Maurizio Careddu. Oltre a Giallini nel cast ritroviamo i volti storici della serie, da Ernesto D'Argenio a Christian Ginepro e ancora Massimiliano Caprara, Gino Nardella, Alberto Lo Porto, Massimo Reale, Filippo Dini, Massimo Olcese, Lorenza Indovina, Anna Bellato, Francesco Acquaroli, Tullio Sorrentino, Mirko Frezza, Valeria Solarino, Carlo Ponti di Sant'Angelo, Isabella Ragonese e Claudia Vismara.

Rocco Schiavone, le anticipazioni della prima puntata del 17 marzo

Subito prima che la Polizia inizi gli scavi per riportare alla luce il cadavere di Luigi Baiocchi, Rocco Schiavone abbandona l'Italia. Sembra l’inizio di un lungo e solitario esilio per il vicequestore, ma inaspettatamente arrivano a fargli visita Brizio e Furio con importanti novità: non è stato trovato niente, la soffiata di Enzo Baiocchi è quindi nulla. Ma chi ha spostato il cadavere? E dove è finito Sebastiano, di cui non si hanno più tracce? Rocco, pieno di interrogativi e dubbi, fa ritorno ad Aosta, pronto a risolvere il caso dell’omicidio del ragioniere Favre, che era stato costretto a lasciare insoluto. Intanto il passato continua a bussare alla sua porta: Caterina, l’agente speciale che aveva tradito la fiducia di Rocco spiandolo per conto degli Interni, si presenta improvvisamente ad Aosta con una notizia sconvolgente. Nel frattempo, in Questura, giunge la notizia della sparizione di un portavalori, con a bordo due guardie giurate e tre milioni del Casinò di Saint Vincent. Rocco capisce che la morte di Favre e il furto non sono slegati, non può essere un caso che entrambi abbiano a che fare con le attività del Casinò. Rocco e la sua squadra si preparano al peggio: questa volta, la banda da sgominare è pronta a tutto pur di difendere i suoi loschi affari, anche a mettere mano alle armi.