Anche quest'anno "Danza con me" si è dimostrato un successo. L'evento di Rai1 con Roberto Bolle è ormai un appuntamento fisso del 1 gennaio e gli ascolti lo confermano: dopo primi due chiusi a 4.8 e 4.4 milioni di spettatori netti, questa volta è stato seguito da 4.3 milioni di telespettatori netti. un successo, soprattutto per la qualità e lo spessore di un programma che parla il linguaggio della danza classica, generalmente lontana dai canoni e gli standard televisivi. Non c'è dubbio, quindi, che "Danza con me" possa dirsi ancora una volta un successo.

"Sono davvero felice, commosso ed immensamente grato per questo grande successo di Danza con Me –  ha scritto Roberto Bolle tramite i suoi canali social – Quando abbiamo iniziato sembrava una sfida impossibile: riportare la danza ad un pubblico così vasto come quello della prima serata sulla Rete Ammiraglia. E invece questa sfida è diventata negli anni una certezza, un appuntamento per moltissimi e l’affetto e la partecipazione ovunque: sui giornali, sui social, per la strada è commovente".

Il ballerino ritiene che questo programma possa restituire alla danza lo spazio che merita nel discorso pubblico: "Sono felice in primis per la danza che ritrova il suo giusto ruolo e che si prende ciò che è suo: la capacità di parlare al cuore delle persone, al cuore di tutti. E poi sono particolarmente orgoglioso di aver contribuito a dimostrare quanto questa arte meravigliosa possa raccontare il presente, l’oggi, sublimandolo e per questo non edulcorandolo, ma rendendolo universale. Insieme contemporaneo e fuori dal tempo, sempre vivo". Roberto Bolle ringrazia quindi tutto il suo gruppo di lavoro e le sue sono parole che paiono prefigurare un ritorno del progetto. Manca un'infinità di tempo per sapere se Roberto Bolle tornerà anche nel 2021, ma i segnali che questo possa accadere e che il suo possa diventare un contenitore imprescindibile del primo dell'anno, ci sono tutti.

Sono davvero felice, commosso ed immensamente grato per questo grande successo di Danza con Me. Quando abbiamo iniziato sembrava una sfida impossibile: riportare la danza ad un pubblico così vasto come quello della prima serata sulla Rete Ammiraglia. E invece questa sfida è diventata negli anni una certezza, un appuntamento per moltissimi e l’affetto e la partecipazione ovunque: sui giornali, sui social, per la strada è commovente. Sono felice in primis per la danza che ritrova il suo giusto ruolo e che si prende ciò che è suo: la capacità di parlare al cuore delle persone, al cuore di tutti. E poi sono particolarmente orgoglioso di aver contribuito a dimostrare quanto questa arte meravigliosa possa raccontare il presente, l’oggi, sublimandolo e per questo non edulcorandolo, ma rendendolo universale. Insieme contemporaneo e fuori dal tempo, sempre vivo. Ma è giunto il momento di ringraziare tutti quelli che hanno lavorato perché questo “piccolo miracolo” potesse vedere la luce. La Rai in primis che ha scommesso, forte, e tutte le maestranze che hanno lavorato con entusiasmo e passione con risultati eccezionali. La @Ballandi che con Bibi ha avuto la prima visione e che poi ci ha sempre sostenuto, spinto, consigliato, creato possibilità impensabili. Tutti gli ospiti che hanno contribuito a rendere grande Danza con me. Tutto il team creativo, straordinario, dagli autori alla regia al comparto creativo e Artedanza che mi è accanto su tutti i fronti. Ma grazie soprattutto al pubblico che ci ripaga di tutto con un amore e una passione che è linfa. Non ci fermiamo mai. #graziedicuore #danzaconme @rai1official

A post shared by Roberto Bolle (@robertobolle) on