14 Dicembre 2013
16:47

“Ricostruiremo la casa del Grande Fratello, i tempi saranno rispettati”

La riunione tra i rappresentati della Endemol e Mediaset si è conclusa: a tirare le somme è stato l’ad di Cinecittà Giuseppe Basso, che all’ANSA ha raccontato la ferma intenzione di ricostruire tutto ciò che le fiamme hanno distrutto la notte scorsa.
A cura di Simona Saviano

La riunione a Cinecittà tra i rappresentati della Endemol e Mediaset si è conclusa: a tirare le somme di quanto accaduto è stato l'ad degli studios romani Giuseppe Basso, che all'agenzia di stampa ANSA ha raccontato che l'intenzione è quella di ricostruire tutto ciò che le fiamme hanno distrutto e ridotto ad un cumulo di macerie la notte scorsa.

Update ore 17.00: L'ufficio stampa Endemol ha fatto pervenire alla Redazione spettacolo di Fanpage un comunicato ufficiale, che rassicurerebbe tutti i fan del Grande Fratello:

Grande Fratello non perde tempo ed è già al lavoro per trovare una soluzione alternativa all’interno di Cinecittà Studios per la costruzione di una nuova Casa. Nonostante l’incendio che ha devastato i 1600 mq della struttura i cui lavori erano in uno stato decisamente avanzato, i dirigenti Endemol, Mediaset e tutti i reparti produttivi, in una lunga riunione convocata già nelle prime ore del mattino hanno esaminato le possibilità di nuove location per poter essere operativi al più presto.

Nessuna ipotesi sulla natura dell'incendio che ha distrutto la casa del Grande Fratello 13, ma la determinazione di chi ha voglia di rispettare le promesse e di restituire ai telespettatori uno dei luoghi più "sacri" dei reality show dell'ultimo decennio:

The show must go on. Ricostruiremo tutto e da subito. I tempi saranno rispettati. Constata la gravità dell’accaduto che ha cause ancora tutte da chiarire, si è fatto il punto di come andare avanti. Abbiamo già individuato l’area, proprio accanto alla collinetta della casa del Grande Fratello andata distrutta a seguito di un incendio questa notte, dove ricostruire tutti gli ambienti.

"Consegneremo per tempo il lavoro" – Confermate anche le precedenti notizie, ovvero che l'area devastata corrisponde a 1.700 mq, contenente gli interi arredi della casa destinata ad ospitare i concorrenti del Grande Fratello. L'inizio della  nuova edizione è previsto per il prossimo 23 gennaio e Basso è sembrato ottimista in tal senso:

Non ci sono date ufficiali  ma noi consegneremo per tempo il lavoro, non credo ci saranno slittamenti.

"Sarà potenziata la sorveglianza" – Infine, i giornalisti Ansa rivelano che sul posto, oltre ai Vigili del Fuoco, è intervenuta la polizia scientifica, per indagare sul rogo che ha distrutto la casa del GF: l'incendio potrebbe essere doloso visto che, a seguito delle prime verifiche, pare che l’impianto elettrico fosse funzionante, quindi un corto circuito sarebbe da escludere. L'ad di Cinecittà non si sbilancia sull'ipotetica natura dell'incendio e si è limitato ad affermare:

La sorveglianza c’è e sarà potenziata ma non voglio neanche pensare ad un dolo, a criminali che vogliono distruggere questo luogo che è di storia del cinema e di industria. E’ vero ci sono dei precedenti incendi, ma qui sono stabilimenti grandi e provvederemo a rafforzare sicurezza e sorveglianza. Io credo ad una causa accidentale, ma non spetta a me dirlo. Intanto vorrei ringraziare la nostra vigilanza e le squadre dei vigili del fuoco che hanno domato l’incendio e sono riusciti a limitare il danno delle fiamme.

Infine, la stessa agenzia ANSA ha diffuso le prime immagini del rogo che a Cinecittà ha distrutto la casa del Grande Fratello 13:

Il Grande Fratello 13 è pronto, tweet ufficiale:
Il Grande Fratello 13 è pronto, tweet ufficiale: "Casa ricostruita"
La casa del Grande Fratello distrutta, amarezza e ironia della rete
La casa del Grande Fratello distrutta, amarezza e ironia della rete
Il Grande Fratello 13 riparte dopo Sanremo 2014, la casa ricostruita a tempo di record
Il Grande Fratello 13 riparte dopo Sanremo 2014, la casa ricostruita a tempo di record
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni