Raoul Bova, racconta a Verissimo il periodo doloroso della sua separazione dall’ex moglie Chiara Giordano: “Alla fine sono contento di aver vissuto questo momento difficile della mia vita, perché ora mi sento veramente libero, libero dalla schiavitù del consenso degli altri, perché per prendere una medaglia rischi di non riconoscere più te stesso e arrivi alla fine della tua vita dicendo ‘ma ho fatto veramente quello che volevo fare o ho solo fatto quello che volevano gli altri?’. Questo è un ragionamento importante per ognuno di noi: prima di tutto deve esserci il rispetto verso noi stessi".

Un momento di introspezione, che gli è servito a stabilire un nuovo contatto con sé stesso: “Forse prima non avevo il coraggio di essere felice con me stesso, perché volevo sempre accontentare gli altri. Adesso, invece, sto conoscendo Raoul e sono contento di conoscerlo”. Parlando infine di come i suoi figli adolescenti abbiano vissuto quel periodo, e del fatto che, loro malgrado, la stampa si sia occupata di questa separazione, Raoul confida: “Ci abbiamo provato a proteggere i nostri figli, ma forse in Italia bisognerebbe trovare un sistema di protezione nei confronti dei minori più adeguato. Credo che non sia stata protetta la sensibilità dei ragazzi. Quest ragazzi si trovano a vedere dei titoloni che, purtroppo, non capiscono quanto facciano parte del gioco, del gossip. In Spagna esiste una legge, si chiama "alienazione parentale" che protegge i minori. Non si litiga di fronte ai minori e la società non può adottare determinati tipi di atteggiamenti. I miei figli hanno 13-12 anni, il danno non lo fanno a me. Parlo in generale, in riferimento ai figli di persone che sono abituate a stare sempre sui giornali".

Bova tenerò papà di Luna: "La prima parola è stata ‘no!'"

Come si fa a essere un buon padre? "Bisogna comportarsi bene mantenere la parola, non raccontare bugie ed esprimere sentimenti" dichiara l'attore che ha tentato con ogni mezzo possibile di difendere i figli avuti dalla Giordano dal tritacarne mediatico all'interno del quale hanno rischiato di finireParlando di Luna, la figlia avuta da Rocìo: "Il papà è innamorato di lei. La prima parola che ha detto è stata "no". Adesso sta iniziando a parlare, è carina ma solo quando lo decide lei. Posso accarezzarla e baciarla solo quando lo dice lei". Non tutti gli sarebbero stati vicini nei momenti più difficili: "Quando ti trovi in difficoltà, alcune persone che credevi amiche non le trovi più. Accade in tutte le categorie di trovare brave persone e persone finte". In chiusura, Bova si rifiuta di rivelare se sposerà o meno la compagna Rocìo: "Re lo dico la prossima volta che vengo".