Andrà in onda sabato 4 aprile alle 17 su La7 il corto " Qualcosa si è rotto", che racconta come un problema come la carenza d'acqua incida sulla vita di intere popolazioni e, nello specifico, delle donne africane. Protagonista del corto è Nice Nailantei Leng’ete, ambasciatrice mondiale di Amref Health Africa contro le mutilazioni genitali femminili, inserita dal Times tra le 100 persone più influenti al mondo. Una sfida, quella di Nice, che ovviamente trova nella scarsità di riserve idriche un ostacolo alla lotta contro la violenza su ragazzine e donne.

La voce del cortometraggio è quella di Fiorella Mannoia,  testimonial Amref che si è prestata per il corto che verrà introdotto e presentato da Lici Colò, volto di La7 da questa stagione. Fiorella Mannoia ha così spiegato il suo impegno in questo prodotto:

 “Questo video è stato realizzato prima dell’emergenza Coronavirus che ha colpito il mondo intero, e guardarlo oggi, alla luce di quello che è successo, appare più che mai commovente. Mai come in questo momento ci siamo sentiti connessi gli uni agli altri, mai come in questo momento ci siamo sentiti non più come appartenenti alle nostre rispettive Nazioni ma “Cittadini Terrestri”, perché questo nemico invisibile e sconosciuto non conosce confini, etnie, e classi sociali, per la prima volta siamo costretti a pensare e ammettere che “ si, qualcosa si è rotto” come un enorme cortocircuito globale. Quello che ci sta succedendo ci costringe a consideraci, e per la prima volta, non più come “IO” ma come “NOI”, tutti legati, tutti fragili, tutti smarriti, tutti soli e ora che non possiamo più toccarci, abbracciarci e nemmeno odiarci, abbiamo scoperto che siamo bisognosi gli uni degli altri, ci voleva una microscopica entità biologica per farci sentire, per la prima volta, abitanti di un’unica casa, la nostra: LA TERRA.”

"Qualcosa si è rotto" è un corto sulla carenza di riserve idriche e sugli effetti dei problemi climatici, che diventano ancora più urgenti in questo momento storico in cui l'umanità sta capendo come l'andamento della vita non possa ignorare la natura e le sue istanze. “Lì dove i sistemi sanitari sono fragilissimi – spiega Guglielmo Micucci, Direttore di Amref Health Africa-Italia – dove i centri di rianimazione intensiva si contano sulle dita di una mano e solo in qualche metropoli, restare sani e non rischiare la vita per cause che, nella nostra parte di mondo, abbiamo sconfitto da decenni – colera, polmoniti – è fondamentale. E in questo senso l'acqua pulita è la chiave di tutto, non si può parlare di salute senza parlare di acqua. Dalla triste questione dell'accesso alle risorse idriche negato a migliaia di persone, segno di una drammatica ingiustizia sociale, fino alle battaglie per i diritti delle donne, spesso costrette a ore e ore di camminate per gli approvvigionamenti". Il corto "Qualcosa si è rotto" fa parte della campagna Amref "Dove c'è l'acqua la vita scorre", finalizzata a una raccolta fondi di cui sono testimonial, oltre a Fiorella Mannoia, Giobbe Covatta, Giovanni Soldini, Salvatore Marino