(uno screenshot dalla partita di ieri su DAZN)
in foto: (uno screenshot dalla partita di ieri su DAZN)

"Non guardavo una partita in queste condizioni da Roja 2007". Il paragone è infausto ma giusto perché l'esordio di DAZN in Italia non è stato assolutamente da ricordare in positivo. Ritardi sul segnale importanti per la partita Lazio-Napoli, anche di più di 40 secondi che hanno costretto tantissimi abbonati a rovinarsi la sorpresa dei gol della partita, anticipati da notifiche delle varie app sui risultati o da amici sui gruppi Whatsapp. Oltre a questo, per molti guardare la partita sembrerebbe essere stato un tormento.

Su Twitter e Facebook è partita la shitstorm sulla pagina ufficiale di DAZN ITALIA, tra proteste e ironia tagliente. Come chi, quando la partita è finita da un pezzo, scrive: "Sono ancora al primo gol di Ciro Immobile!". E ancora: "State esagerando! Sono riuscito a vedere il primo gol di Maradona benissimo". La sensazione è che, in questo momento, qualsiasi rete viene penalizzata, anche quella domestica che dovrebbe essere sufficiente a supportare il segnale, stando alle loro indicazioni.

I requisiti tecnici

Stando a quanto annunciato da DAZN, i requisiti minimi per poter fruire del servizio (in SD, HD e 1080p) sono: per la SD, 2 Mpbs; per la risoluzione HD, 6.5 Mpbs e per la massima qualità in 1080p, una connessione di 8 Mpbs.

Un problema strutturale

Nella serata di ieri, DAZN ha fatto record di utenti connessi. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui la struttura della nuova tv in streaming è collassata in alcuni punti. Bisognerà correre ai ripari molto presto, ma ricordiamo che esiste anche un problema che è fuori dalle responsabilità di DAZN: la velocità della connessione nel nostro paese è molto al di sotto degli standard degli altri paesi europei.