Alessia Marcuzzi si è raccontata in una lunga intervista al Corriere della Sera. La presentatrice ha parlato dei progetti lavorativi che la tengono impegnata, in questo periodo che la vede lontana dalla tv. Si definisce ‘poliedrica e creativa' e ama cimentarsi in attività sempre nuove:

"Non ho idea di come sarò tra 10 anni. Potrei avviare un nuovo progetto di punto in bianco, chi lo sa? Ho uno spirito poliedrico e creativo. Per esempio, per la prima volta ho sperimentato il lavoro di doppiatrice e nel film animato Cicogne in missione che uscirà il 20 ottobre (sarà presentato il 16 settembre al Festival del Cinema di Roma, ndr.) ho dato la voce a una ragazzina un po’ svampita. Un’esperienza nuova e non facile, quella di dare la voce a un personaggio che non sei tu. Adesso, voglio viaggiare. Ho anche realizzato un’app di viaggi finanziata interamente da me: è una guida a varie città turistiche, da Milano a New York, e si scarica gratuitamente".

Mamma e moglie, non rinuncia a stare al passo con la moda. Alessia Marcuzzi ha dato qualche consiglio di stile e ha svelato che diversi anni fa aveva pensato di creare una sua capsule. Il progetto, però, non si è mai concretizzato: "Mi piacciono le minigonne, come gli shorts. Se una donna della mia età si sente bene in pantaloncini, perché no? Sharon Stone a 50 anni si può permettere di mostrare le gambe. Certo, in video devo essere sexy, magari indossando paillettes che non metterei nella vita privata. Ma sul palco si può giocare a fare le bambole. La minigonna nella quotidianità funziona se il top non è scollato, altrimenti si crea un impatto troppo forte, magari associandola a una calza rock, a un tacco e aggiungendo sopra un maglione over di taglio maschile. Una mia collezione? Anni fa in occasione di un programma avevo pensato a produrre una capsule, ma poi l’idea è sfumata. Disegno borse che vendo online".

Alessia Marcuzzi: "L'esperienza di attrice è stato solo un capitolo della mia vita"

Alessia Marcuzzi, infine, ha parlato dell'esperienza di attrice, fatta in serie televisive come ‘Carabinieri', ‘Il giudice Mastrangelo 2', ‘Un amore di strega' e ‘Tequila & Bonetti':

"Alla sfilata di Falconeri Luca Argentero mi ha salutato come nella fictionCarabinieri, in cui abbiamo lavorato insieme: con la mano sulla fronte e dicendo “Comandante!”. Si è trattato di un capitolo della mia vita".