Pamela Prati torna a parlare del caso Caltagirone a un anno di distanza dal caso mediatico più assurdo e confuso degli ultimi anni. Lo fa negli studi di Domenica In, ospite di Mara Venier, lo stesso luogo nel quale tutto iniziò. Dopo aver parlato della sua vita sin dall'infanzia, ripercorsa in un libro di recente uscita, la vicenda Caltagirone è stata ineludibile: "Non è facile riprendersi – ha detto una Prati visibilmente dimagrita – dopo quello che è successo è una bella botta/Volevo mettermi a nudo affinché si capisse davvero chi fossi".

L'intervista di Pamela Prati a Domenica In

La versione di Pamela Prati sul suo coinvolgimento nella vicenda resta quella secondo la quale lei sia stata vittima di quello che chiama esplicitamente un ‘sistema': "Chiedo scusa a te, al pubblico, sono stata plagiata. Voglio che quella parte di pubblico che mi ha amata, continui ad amarmi".

Rivedendo l'intervista del 31 marzo 2019, quella in cui raccontava a Mara Venier del suo matrimonio prossimo con l'uomo che l'aveva resa madre, Pamela Prati afferma: "Io non mi riconosco in questa intervista. Quando la vedo mi fa tanto male, si vede che sono plagiata", per poi aggiungere "mi è stato detto di dire quelle cose. Hanno plagiato in passato Michelle Hunziker, Alfonso Signorini, anche una politica". 

"Quando tu tornavi a casa dicevi "ma che sto a dì", oppure eri completamente entrata in quella cosa?", le chiede Mara Venier  e Pamela Prati specifica: "Avevo perso completamente obiettività, ero in balia di un sistema, così lo chiamo. Io vorrei creare un'associazione che aiuti le donne alle quali è successa la stessa cosa che è accaduta a me. Chiedo scusa a te e al pubblico, io sono stata davvero plagiata". 

Il ruolo del bambino nella vicenda Prati-Caltagirone

Ed anche sull'utilizzo strumentale di Sebastian, il bambino più volte descritto come figlio di Caltagirone, legame parentale che si è rivelato una montatura, Pamela Prati precisa: "Io ho saputo come voi dell'inganno sul bambino. L'ho capito quando mi hanno fatto vedere, in uno studio legale, chi era il mio presunto futuro marito e chi era quel bambino". Quindi l'intervista si chiude con l'ennesimo attacco al sistema: "Mi diedero anche le fedi. Sono stata proprio una stupida, dopo tutto quello che ho passato non mi meritavo questo". 

La reazione di Eliana Michelazzo

Proprio durante l'intervista arriva un commento di Eliana Michelazzo, una delle donne coinvolte nella vicenda insieme a Pamela Perricciolo, al tempo assistente di Pamela Prati ed evidente inclusa da quest'ultima nel "sistema". Ricostruzione dei fatti, quella di Pamela Prati, che Eliana Michelazzo lascia intendere sia falsa con un commento lapidario, chiedendo anche un contraddittorio:

Le bugie hanno le gambe corte. Sciacquati la bocca, Pamela.

Anche Pamela Perricciolo attacca Pamela Prati

Pochi minuti arriva anche la risposta di Pamela Perricciolo, considerata in qualche maniera eminenza grigia di tutto quello che è successo. Attacchi molto pesanti a Pamela Prati: "Comunque quando l'Aicos ti pagava tutto, ti mantenevi meglio". E aggiunge in un'altra storia su Instagram: "Dopo la tua intervista mi chiedono tutti come abbiamo fatto sopportarti. Eh già, me lo chiedo anche io".