3.648 CONDIVISIONI
28 Giugno 2016
18:54

Omaggio a Bud Spencer, i grandi classici su Mediaset

Anche Mediaset cambia il palinsesto in ricordo di Bud Spencer: questa sera su Rete 4 “Chi trova un amico trova un tesoro” e a seguire “Banana Joe”. Giovedì 30 giugno, Canale 5 propone il grande classico “Lo chiamavano Trinità”.
3.648 CONDIVISIONI

La morte di Bud Spencer ha fermato l'Italia intera, l'ha sconvolta e sorpresa proprio mentre era nel pieno dei festeggiamenti per la Nazionale azzurra, uscita vittoriosa dal confronto con la Spagna. Naturale, come di consueto quando viene a mancare un personaggio del calibro di Bud Spencer, che la tv si fermi e cambi i suoi palinsesti.

Come la Rai, anche Mediaset ricorda ed omaggia il "gigante buono" con una serie di prime serate che contengono tutti i grandi classici che ha interpretato. Si parte questa sera su Retequattro in prima serata: "Chi trova un amico trova un tesoro", film del 1981 firmato da Sergio Corbucci e che vede l'attore, il cui vero nome era Carlo Pedersoli, in coppia con il suo storico partner Terence Hill. A seguire, "Banana Joe" del 1982 diretto da Steno, in cui Bud Spencer è assoluto protagonista.

"Lo chiamavano Trinità", giovedì in prima serata

Il grande classico che tutti stiamo aspettando è previsto per giovedì 30 giugno, giorno in cui Canale 5 trasmetterà "Lo chiamavano Trinità" (1970), prima pellicola che ha lanciato il genere "fagioli western". Un film considerato un cult che ha abbracciato tre generazioni. Si chiude il 4 luglio con una maratona su Iris: si parte alle 17 con "Un piede in paradiso", alle 19 "Si può fare amigo", alle 21 "La collina degli stivali" e alle 23 "Cane e Gatto" con Tomas Milian.

3.648 CONDIVISIONI
Le foto di scena di Bud Spencer
Le foto di scena di Bud Spencer
228.399 di Spettacolo Fanpage
Bud Spencer: il supereroe della nostra infanzia
Bud Spencer: il supereroe della nostra infanzia
L'Italia piange la morte di Bud Spencer:
L'Italia piange la morte di Bud Spencer: "Addio leggenda"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni