18 Dicembre 2014
15:12

Non primeggia “Chi l’ha visto?”, nonostante Loris e la condanna di Stasi

Dopo i boom delle scorse settimane si ferma “Chi l’ha visto?”, nonostante il caso Loris e il commento sulla condanna di Alberto Stasi. Resta, però, il secondo programma più visto dopo “Tutta colpa di Freud” su Canale 5.
A cura di G.D.

Chi si aspettava il grande botto resterà deluso, ma non troppo. "Chi l'ha visto?" su Rai Tre continua ad appassionare i telespettatori italiani, ma con la condanna ad Alberto Stasi come "breaking news" e gli aggiornamenti sul caso Loris non si va oltre i 3.417.000 telespettatori (share 14.95%). Una piccola involuzione in relazione ai 3,8 milioni e ai 4 raggiunti nelle scorse due settimane, resta però un risultato assolutamente utile.

E su Canale 5 c'è il vincitore assoluto della serata di mercoledì 17 dicembre, è la prima parte della versione per la tv di "Tutta colpa di Freud" che fa registrare un ascolto netto di 4.373.000 telespettatori, per uno share del 16.94%. Sulle altre reti si segnala la terza puntate de "Il ritorno di Ulisse" che registra ascolti per 2.948.000 telespettatori, share 11.58%, segue "Segnali dal futuro", film con Nicolas Cage su Italia 1, visto da 2.359.000 telespettatori, share 9.52%. La semifinale de "Il più grande pasticcere" registra un ascolto di 1.739.000 telespettatori, per uno share del 6.84%, mentre "Quarto grado" registra 1.223.000 telespettatori per uno share del 5.96%. Chiude il film "The Missing" ha registrato un ascolto di 778.000 telespettatori, share del 3,19%.

Lo zainetto di Loris:
Lo zainetto di Loris: "Nascosto forse perché contenente le fascette e le mutandine"
Il legale della famiglia del piccolo Loris: “La madre non è indagata”
Il legale della famiglia del piccolo Loris: “La madre non è indagata”
Omicidio Loris, la sorella della madre:
Omicidio Loris, la sorella della madre: "Pazza no, ha avuto i suoi problemi"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni