8 Settembre 2020
12:24

“Neil Buchanan è Bansky”: l’artista britannico di Art Attack smentisce la bufala

È diventata virale sul web la notizia, poi smentita, sulla presunta identità dell’artista Bansky, street artist britannico. Secondo un utente di Twitter si sarebbe trattato di Neil Buchanan, il creatore di Art Attack, famoso in Italia per la versione del programma per bambini con Giovanni Muciaccia. I media britannici hanno indagato sul caso, ma a togliere ogni dubbio e a smentire la questione ci ha pensato proprio Neil Buchanan, con un comunicato sul suo sito web: “Nessuna verità in queste voci”.
A cura di Giulia Turco

Da anni circolano diverse ipotesi sulla misteriosa identità di Bansky, uno dei più famosi street artist al mondo. Con le sue opere ha ridato vita a palazzi, muri e scorci della vita cittadina, emozionando il pubblico di tutto il mondo, nascosto dietro ad uno pseudonimo senza mai rivelare la sua identità. Negli ultimi giorni il web è arrivato ad una conclusione: Bansky è Neil Buchanan, l'artista britannico creatore del format di Art Attack. Una bufala, diventata virale nel giro di un fine settimana dopo la segnalazione di un utente su Twitter. Secondo questa teoria, riportata dal sito della BBC, le opere dello street artist sarebbero spuntate nella città in cui, in quel periodo, Neil suonava con una vecchia band.

La smentita di Neil Buchanan

La teoria si è rivelata infondata, ma le proporzioni con cui si è diffusa online aveva spinto diversi media britannici ad indagare sul caso. A togliere ogni dubbio, ci ha pensato il diretto interessato, Neil Buchanan, tramite un comunicato apparso sul suo sito ufficiale:

Siamo stati sommersi da richieste durante il fine settimana sull'attuale storia che circola sui social media. Sfortunatamente questo sito web non ha i mezzi per rispondere a tutte le richieste in maniera individuale, tuttavia possiamo confermare che non c'è alcuna verità in queste voci. Neil ha trascorso lockdown con i membri della sua famiglia e ora si prepara a lanciare la sua nuova collezione d'arte nel 2021. Grazie e per favore state al sicuro.

Neil di Art Attack oggi

I bambini degli anni '90 e 2000 lo ricordano come l'artista strampalato e geniale di Art Attack, nella versione italiana condotta da Giovanni Mucciaccia. Le sue opere ipnotiche lasciavano stupiti perché, se in un primo momento sembrava accostare oggetti in maniera casuale su un pavimento, alla fine, vista dall'alto, la sua opera acquistava tutt'altra forma e significato. "Neil il grande artista" è conosciuto in Bran Bretagna come l'ideatore e conduttore del format per bambini, ma è anche un artista nella vita, e un fotografo. Qualche anno dopo l'esperienza in tv, ha intrapreso una carriera musicale, diventando il chitarrista della band Marseille, sciolta poco tempo dopo. Oggi, Neil è tornato a dedicarsi alla sua attività di artista e ad occuparsi di collezioni d'arte.

Le ipotesi sull'identità di Bansky

Uno dei pochi indizi certi, o quasi, sono che la città natale di Bansky è Bristol. Secondo l'unico giornalista che lo ha incontrato di persona, Simon Hattenstone del The Guardian, sarebbe un uomo "bianco, di 28 anni, in jeans e maglietta e un orecchino d'argento". Tuttavia se ne discute da anni senza risposte, nonostante studi e inchieste aperte sul caso. Si è ipotizzato si trattasse del musicista Robert Del Naja dei Massive Attack, si è pensato ad un collettivo, o persino che potesse essere una donna.

Giulia Quattrociocche smentisce la gravidanza: "Una bufala, una cavolata"
Giulia Quattrociocche smentisce la gravidanza: "Una bufala, una cavolata"
Maurizio Mannoni indignato per il ritardo di Bianca Berlinguer, lo sfogo in diretta
Maurizio Mannoni indignato per il ritardo di Bianca Berlinguer, lo sfogo in diretta
"Achille Lauro e le liti con la produzione di Celebrity Hunted 2", il manager fa chiarezza
"Achille Lauro e le liti con la produzione di Celebrity Hunted 2", il manager fa chiarezza
L'oro di Jacobs fa il boom di ascolti, quasi 7 milioni davanti alla Tv
tv
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni