Addio all'attore americano Rip Taylor, comico molto noto in patria e soprannominato «The king of confetti», ovvero il re dei coriandoli. Taylor è morto il 6 ottobre al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles all'età di 84 anni. Era stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dopo aver subito un malore la settimana scorsa, come ha dichiarato il suo addetto stampa Harlan Boll.
Nel corso degli anni 70, il suo stile comprendeva costumi e oggetti stravaganti, baffi a manubrio e lanci di coriandoli. Era un ospite frequente nei programmi di quell'epoca, tra cui il "Gong Show" (il corrispettivo americano del nostro celebre "La corrida"). Taylor è stato inoltre attore e Broadway e doppiatore in un alto numero di film e serie tv.

Le apparizioni come attore

Tra le sue apparizioni al cinema come attore, si ricordano i suoi camei in Mamma, ho riperso l'aereo: Mi sono smarrito a New York, Proposta indecente, Il silenzio dei prosciutti di e con Ezio Greggio, Fusi di testa 2 – Waynestock e Hazzard  (nella parte di se stesso), Alex & Emma. In televisione, ha invece recitato in Una mamma quasi perfetta, Biancaneve a Beverly Hills, The Brady Bunch Variety Hour, Sigmund and the Sea Monsters, Zack e Cody al Grand Hotel, The Life and Times of Juniper Lee e nella soap Santa Barbara.

La carriera di Rip Taylor come doppiatore

In particolare, Taylor viene ricordato come il doppiatore dello zio Fester per 21 episodi nella serie animata La famiglia Addams, in onda nel 1992-93, e quello del Genio nel classicone Zio Paperone alla ricerca della lampada perduta, il film d'animazione Disney tratto dai Duck Tales Ha prestato la sua voce anche in diversi altri cartoon come Garfield e i suoi amici, Tom & Jerry: Il film, Gli Snorky, Scooby-Doo va a Hollywood, Che papà Braccio di Ferro.