A poche ore dalla notizia della morte di Andrea Camilleri, arriva l'annuncio dello stop alle riprese in corso de "Il Commissario Montalbano". La decisione presa dalla produzione Palomar è l'omaggio reso alla scomparsa dell'ideatore del personaggio che preso vita grazie all'interpretazione di Luca Zingaretti.

Da più di due mesi la troupe era di stanza a Ragusa, al lavoro per girare le scene dei due nuovi episodi de Il Commissario Montalbano, la cui messa in onda era prevista per la primavera del 2020. Oggi i membri della troupe si trovavano a Scicli per alcune riprese e la notizia del decesso di Camilleri ha immediatamente portato allo stop dei lavori. Sul set, a guidare il gruppo, c'era Luca Zingaretti, impegnato temporaneamente nel curare anche la regia, a causa di una indisposizione del regista Alberto Sironi.

Le riprese sono incentrate sulla trasposizione di due racconti del Commissario Montalbano pubblicati nel 2017: "La rete di protezione" e "Il metodo Catanalotti". Il terzo episodio, invece, dovrebbe corrispondere a un collage di vari momenti già andati in onda, riferiti alla coppia di protagonisti composta da Salvo e Livia. Non è ancora chiaro quando riprenderanno i lavori sulla quattordicesima stagione del Commissario Montalbano.

Intanto sono state comunicate le informazioni relative ai funerali di Andrea Camilleri. Dalla nota dell'Ospedale Santo Spirito di Roma, è emerso che le esequie dello scrittore siciliano, le cui modalità saranno comunicate nel pomeriggio, saranno svolte in forma privata: "Le condizioni sempre critiche di questi giorni si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali" spiegano dall'ospedale, rivelando che "per volontà del maestro e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio".