A poche ore dalla scomparsa di Ennio Fantastichini, la Rai decide di rendere omaggio all’attore Ennio Fantastichini, morto ieri a Napoli, stroncato dalla leucemia. Il servizio pubblico riproporrà oggi domenica 2 dicembre alcune sue magistrali interpretazioni, modificando la programmazione delle reti. Per ricordare il protagonista di numerose pellicole e fiction di successo, il Servizio Pubblico trasmetterà alle 15:05 su Rai Premium il tv movie “La strada dritta”, miniserie trasmessa da Rai1 nell’ottobre del 2014.

In prima serata Rai Movie dedicherà un altroomaggio a Fantastichini con il film “Mine vaganti”, diretto da Ferzan Ozpetek e per il quale l’attore romano vinse il David di Donatello come Miglior attore non protagonista. A seguire, alle 23:25, andrà in onda sempre su Rai Movie “L’arrivo di Wang”, pellicola diretta dai Manetti Bros, vincitrice di un premio collaterale della 68ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

La morte di Ennio Fantastichini ha generato immediatamente una reazione commossa da parte del pubblico affezionato all'attore, oltre al ricordo di amici e colleghi del mondo dello spettacolo con i quali aveva collaborato nel corso della carriera.

La carriera di Ennio Fantastichini

Ennio Fantastichini ha alle spalle una lunghissima e brillante carriera nel teatro, nel cinema e nel piccolo schermo. Era il 1982 quando ha esordito nelle sale con ‘Fuori dal giorno' per la regia di Paolo Bologna. I primi riconoscimenti arrivano nel 1989 quando con il film ‘Porte aperte' di Gianni Amelio vince un Ciak d'oro, un Nastro d'argento come miglior attore non protagonista,  un European Film Awards come scoperta dell'anno e il Premio Felix. Oltre a una candidatura al David di Donatello per il miglior attore non protagonista. La sua carriera è proseguita recitando per registi come Paolo Virzì Giuseppe Bertolucci, Emidio Greco, Sergio Rubini, Peter Greenaway, Marco Risi. Ferzan Ozpetek lo ha voluto nei suoi film ‘Saturno contro' e ‘Mine vaganti'. Con quest'ultimo, Fantastichini si è aggiudicato il David di Donatello come miglior attore non protagonista e un Nastro d'argento. È stato anche protagonista di diverse fiction tra le quali ricordiamo La piovra 7, Paolo Borsellino, Il mostro di Firenze, Squadra antimafia – Il ritorno del boss e, più di recente, Fabrizio De André – Principe Libero.