Al termine della finale del Grande Fratello, quando Barbara d'Urso ha annunciato da pochi minuti il nome della vincitrice Martina Nasino, riuscita ad imporsi sull'ultimo contendente, Enrico, ci pensa il ministro dell'Interno Matteo Salvini a mettere un punto virtuale alla serata twittando, all'1.49 e acclamando il Grande Fratello mentre sullo schermo scorrevano i titoli di coda:

“E anche quest’anno è andata, il Gf come la Serie A: come si può stare senza per tutti questi mesi?? Dai, un sorriso allunga la vita”

Non si tratta della prima volta in cui il vicepremier e leader della Lega, in questo momento dominus indiscusso della politica italiana e, soprattutto, protagonista assoluto di buona parte delle discussioni inerenti gli affari di palazzo, interviene commentando un evento televisivo. Nell'ultimo anno Salvini, la cui formazione è evidentemente segnata da una dose sostanziosa di cultura televisiva pop (lui stesso è stato concorrente di quiz da ragazzino come l'altro Matteo della politica, Renzi) ha commentato indistintamente il risultato di "Amici" e quello del Festival di Sanremo (criticando la vittoria di Mahmood). Per non parlare del suo interventismo su temi che vanno al di là della questione meramente televisiva, come la vicenda Fazio, che Salvini ha contestato e attaccato a più riprese, o quella più recente relativa al nuovo programma di Gad Lerner in onda su Rai3.

C'è inoltre da dire che la macchina comunicativa a sostegno di Salvini ha fatto dei suoi interventi sugli argomenti più disparati una chiave del successo elettorale del leader della Lega, che riesce ad apporre la sua firma sugli argomenti più discussi in circolazione. E il Grande Fratello potrebbe non rientrare tra questi?