La replica di Barbara D’Urso ad Alessia Marcuzzi è arrivata. La conduttrice di Pomeriggio5, nel corso della puntata del talk andata in onda il 13 marzo 2018, commenta velatamente la lite tra Eva Henger e Alessia avvenuta nello studio dell’Isola dei famosi. Com’è noto, la conduttrice dell’Isola si riferiva proprio alle trasmissioni condotte dalla D’arso quando, nell’invettiva contro Eva, l’ha accusata di aver parlato del canna-gate “anche troppo all’interno di altre trasmissioni”. Sentendosi chiamata in causa, dunque, la D’Urso ha deciso di replicare.

Così Barbara D’Urso si è vendicata

In apertura del talk dedicato all’Isola dei famosi, Barbara D’Urso ha mandato in onda un filmato che ha ripercorso tutto quello che è accaduto nel corso dell’ottava puntata dell’Isola, con particolare riferimento al momento di rabbia della Marcuzzi. Terminata la messa in onda del filmato, la donna ha commentato: “Non capisco che c’entri parlare di moralismo con il comportamento avuto con la figlia di Eva. Dico solo questo, poi non voglio aggiungere altro”. Pochi minuti dopo, parlando del confronto tra Francesca Cipriani e Valeria Marini, ha aggiunto: “Noi sappiamo quello che è successo tra le due, succede tutto nelle mie trasmissioni”.

La lite tra Eva Henger e la Marcuzzi

Alessia Marcuzzi, nel corso dell’ottava puntata dell’Isola, ha perso le staffe finendo per poi inveire contro la Henger per il caso della marijuana in Honduras. Dopo aver posto all’ex naufraga la classica domanda sulla marijuana e avere ottenuto da lei una risposta che non l’ha convinta, Alessia ha perso la pazienza: “Eva sei andata tu a parlarne in tutte le trasmissioni dalla mattina alla sera, questa è follia. Scusate, ora devo parlare. Non fare la buona samaritana adesso. Ma di che stiamo parlando. Tu hai detto la tua verità, io la rispetto. Non fare discorsi moralisti a me, quando io non sono mai stata moralista con te. Non lo permetto. Perdonami, questa è la mia trasmissione poi tu vai a parlare dove vuoi. Se tu dici che noi ne parliamo sempre, sei fuori di testa. Io non voglio affossare la verità, io sono una persona perbene. Mi spiace che ci siano andati di mezzo dei ragazzi giovani. Si poteva fare in un'altra sede”.