L'abbiamo vista come attrice nei ruoli più disparati, dalla memorabile Cettina di "Un Medico in Famiglia" alla più recente e significativa interpretazione di Felicia Impastato nel film per la Tv dedicato alla vita della madre di Peppino, vittima di mafia. Lunetta Savino si rimette in gioco e riparte dalla conduzione, diventando il volto di riferimento di "Todo Cambia", la nuova trasmissione in partenza su Rai3 il 19 aprile, in seconda serata. Il titolo del programma, preso in prestito dalla celebre canzone di Mercedes Sosa, è un buon viatico per spiegare la spina dorsale di "Todo Cambia", un programma racconterà le storie di persone che con una decisione, e inseguendo un sogno, hanno radicalmente cambiato la propria vita cogliendo quell'attimo preciso.

Il programma nasce da un'idea del direttore Stefano Coletta, che con la sua gestione "silenziosa" sta restituendo a Rai3 un'identità che la rete sembrava aver smarrito negli scorsi anni. Quello con Lunetta Savino è il terzo nuovo titolo partito in questa settimana, tutti e tre segnati da volti femminili: Geppi Cucciari con "Rai Pipol", Carla Signoris con "Grande Amore".

Il programma con Lunetta Savino avrà un'ambientazione particolare, visto che l'attrice racconterà le storie dall'insolita location del deposito dell'Atac. Nel descrivere questa prima esperienza da conduttrice Savino non ha potuto nascondere un certo entusiasmo: "Sono felice ed emozionata di poter raccontare storie così potenti, di persone comuni che seguendo il loro desiderio hanno deciso di rivoluzionare la loro vita (…) Queste storie mi hanno colpito per la loro eccezionalità. Sono storie che ti emozionano, storie che magari vediamo nelle fiction ma in questo caso, c’è un reale riscatto". 

La prima puntata di "Todo Cambia" del 19 aprile ha per protagonista racconterà due storie: quella di Davide che, da boss della camorra di Scampia, decide di cambiare traiettoria. E quella di Paola, ex manager che ha scelto di cambiare radicalmente la sua vita dedicandosi al sociale.