2.649 CONDIVISIONI
La morte di Raffaella Carrà a 78 anni
6 Luglio 2021
07:51

Lorella Cuccarini a Raffaella Carrà, in passato la lite: “Nulla scalfisce ciò che significhi per me”

Lorella Cuccarini ha scritto una lettera rivolta a Raffaella Carrà: tra le due ci fu uno screzio a distanza quando la prima non fu confermata nella giuria di Forte Forte Forte. Ci furono poi le scuse di Raffaella e oggi quell’episodio è dimenticato: “Niente e nessuno potrà mai scalfire ciò che hai significato nella mia vita”.
A cura di Valeria Morini
2.649 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Raffaella Carrà a 78 anni

"Una notizia che fa male. Tanto. Il mito di sempre rinasce in Cielo. Rip Raffaella", così Lorella Cuccarini ha ricordato Raffaella Carrà, morta a 78 anni il 5 luglio, per una malattia che era stata tenuta segreta sino all'ultimo. Per la ballerina e insegnante di Amici, la Carrà è stata un mito assoluto, un'icona di riferimento. Tra le due, che non hanno mai lavorato insieme, c'erano però state in passato delle frizioni, proprio per questioni professionali. Nella notte, tuttavia, la Cuccarini ha scritto una commossa lettera alla collega, ricordando tutta la sua stima nei suoi confronti.

La lettera di Lorella Cuccarini per Raffaella Carrà

Vorrei dirti tante cose", scrive Lorella, "A casa nostra sei sempre stata un mito. Per me un punto di riferimento artistico intoccabile, insieme a Carla Fracci. Sono cresciuta nel costante dilemma su chi tra voi due preferissi". Un destino crudele purtroppo ha voluto la scomparsa della Carrà a 78 anni, a breve distanza da quella di Carla Fracci, morta il 27 maggio, a 84 anni.

In sole sei settimane, ho dovuto salutarvi. Con immenso dolore. La prima volta che entrai in uno studio televisivo fu per una partecipazione in un tuo programma [Ma che sera, nel 1978: Lorella aveva 12 anni, ndr]. Ero giovanissima ed ebbi un attacco di orticaria per l’emozione di trovarmi di fronte a te. Con Carla ho condiviso tanti bei momenti. Con te non ho avuto la stessa fortuna, ma niente e nessuno potrà mai scalfire ciò che hai significato nella mia vita. Se non ci fossi stata, non sarebbe esistita la televisione del varietà e dell’intrattenimento. La più amata dagli italiani eri e resterai per sempre tu. “Ballo, ballo, ballo senza respiro”. Buon viaggio.

Cos'era successo tra Lorella Cuccarini e Raffaella Carrà

Lo screzio di cui si parlava fu relativo al programma Forte Forte Forte, talent show che la Carrà produsse nel 2015, in onda su Rai1. Nella giuria, di cui la stessa Raffaella faceva parte, sarebbe stata chiamata inizialmente anche la Cuccarini, che dichiarò di essere stata poi messa da parte, causa ripensamento. "Provo una profonda amarezza. Soprattutto perché la responsabile di tutto questo è uno dei personaggi che ho più amato nella mia infanzia e nella mia vita professionale", spiegò la Cuccarini, "In trent’anni di carriera non l’avevo mai incontrata. Ne starò molto lontana anche per i prossimi trenta". La Carrà, però, poi si scusò pubblicamente, dicendosi molto dispiaciuta per non averla chiama personalmente per chiarire ("Trovo giusto che si sia profondamente offesa"). Superata la delusione, Lorella mise da parte il risentimento, dichiarando che avrebbe ancora accettato di lavorare con il suo mito. Non ce n'è stato modo, ma la stima per lei resta immutata.

L'attacco di Heather Parisi

Suscita intanto curiosità e un po' di polemiche il tweet scritto da Heather Parisi, che per il momento ha preferito non scrivere messaggi social di cordoglio. La ballerina, peraltro apparsa come ospite nella puntata di Carramba che sorpresa che Rai1 ha riproposto il giorno della morte, non fa nomi, ma non è difficile ipotizzare che si potrebbe rivolgersi a Lorella Cuccarini. Specie considerando i rapporti difficili tra lei e quest'ultima e appunto il precedente Carrà-Cuccarini sopracitato: "È sorprendente: il potere che ha la morte umana di far rinsavire anche il più imperterrito degli ipocriti al punto tale da fargli ammettere financo la propria ipocrisia".

2.649 CONDIVISIONI
45 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni