5.993 CONDIVISIONI
La morte di Raffaella Carrà a 78 anni
5 Luglio 2021
17:33

La paura del Covid di Raffaella Carrà nell’ultima intervista: “Non esco più, meglio non lavorare”

Nelle ultime dichiarazioni di Raffaella Carrà – al Corriere della Sera e al quotidiano spagnolo Cadena Ser – c’è tutta la paura per il Covid. Aveva sospeso la programmazione della terza stagione di “A raccontare comincia tu” a causa della pandemia: “Non esco, ho troppa paura. Dovevo incontrare Achille Lauro, Tiziano Ferro, Mika e Emma ma ho preferito fermarmi”.
5.993 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Raffaella Carrà a 78 anni

Con la morte di Raffaella Carrà se ne va un pezzo gigantesco della televisione italiana e non solo. La diva della televisione aveva 78 anni e ha saputo come poche altre attraversare ogni decennio con grande freschezza e con grande contemporaneità. Le ultime interviste al Corriere della Sera e al quotidiano spagnolo Cadena Ser sottolineano la sua incredibile forza, la sua potenza, la sua capacità di cavalcare ogni mezzo, simbolo di ribellione, di anarchia e anche di trasgressione.

Il Tuca tuca, simbolo della libertà sessuale

La morte di Raffaella Carrà non può non farci ricordare tanti periodi spensierati, vissuti grazie al suo talento e al suo genio. Dalla censura del Tuca Tuca al brano Luca, il primo che ha apertamente parlato di omosessualità, Raffaella Carrà ha insegnato a tutti il libero arbitrio, soprattutto in camera da letto. Su questo aspetto, al Corriere della Sera, Raffaella Carrà ha dichiarato: "Se è così, sono felice. Certo le donne italiane hanno grande simpatia per me perché non sono una mangiauomini: si può avere sex appeal insieme a dolcezza e ironia, non bisogna per forza essere Rita Hayworth". E sul suo rapporto con la Spagna: "Posso dire che Lucia Bosé ha raccontato che, il giorno che sono entrata a Madrid – era il 1975, era appena morto Francisco Franco – presentandomi in televisione ho dato la sveglia alle donne spagnole, che hanno ripreso a credere in sé stesse". E il Tuca Tuca: "Lo ballai la prima volta con Enzo Paolo Turchi, e l’Osservatore Romano fece pressioni in Rai per stopparlo. Riuscii a riportarlo in tv solo grazie ad Alberto Sordi, a cui nessuno diceva no".

La paura per il Covid

Ma le ultime dichiarazioni che hanno fatto più breccia sono quelle relative al Covid e su come ha vissuto Raffaella Carrà questi due anni di pandemia. La showgirl non ha nascosto, sempre al Corriere della Sera, di aver avuto tanta paura:

Ho avuto e ho molta paura. Non esco e così questo 2020 è diventato un anno sabbatico, anche perché io non sopporto l’idea di lavorare con le distanze o con le mascherine. Meglio non lavorare. Nella prime due edizioni del programma A raccontare comincia tu ho passeggiato e sono andata in tram con la Littizzetto; con Loretta Goggi ci siamo divertite come due matte sulla macchinetta del golf. Io gli incontri seduti tutti immobili non ce la faccio a farli.

A raccontare comincia tu, il programma sospeso

"A raccontare comincia tu" è stato l'ultimo programma condotto da Raffaella Carrà su Rai3. Due edizioni e una terza programmata ma mai realizzata proprio a causa della pandemia. Raffaella Carrà avrebbe dovuto intervistare Achille Lauro e posi sarebbe dovuta andare negli Stati Uniti per incontrare Mika e Tiziano Ferro: "Con lui ho un rapporto bellissimo", aveva confessato la Carrà. Avrebbe dovuto incontrare anche Emma Marrone. Lo stop al programma lo ha dato proprio lei:

Era la seconda metà di febbraio: sento qualcosa in televisione e avverto dentro una strana inquietudine. Chiamo Rai3 e dico: questo programma non si può fare, è troppo pericoloso. Non me la sento. Sono stata irremovibile. Ho detto a Sergio: Sergio, non ce la faccio, se si ammala uno di noi è il disastro. Dopo una settimana è scoppiata la pandemia, poi si è chiusa l’Italia. Ho avuto fiuto. Mi dispiace che prima degli altri ho tolto lavoro a tante persone. Ma forse ho fatto del bene

Il ricordo di Diego Armando Maradona

Raffaella Carrà ha pianto anche la morte di Diego Armando Maradona, suo grande amico e ospite nelle sue trasmissioni, protagonista di una pagina storica di Carramba che sorpresa:

Un grande dolore. Io che non amo fare i video per gli amici, avevo fatto un’eccezione e ho girato un breve filmato per i suoi sessant’anni. Gliel’hanno mandato e mi hanno detto che si è commosso nel vederlo. Eravamo davvero amici. Era un mascalzone, ma generosissimo, capace di slanci incredibili, nonostante la sua vita pericolosa, tra droga e alcol.

A Cadena Ser, Raffaella Carrà aveva invece dichiarato di essere ancora a lavoro su un nuovo programma, un talent per cantanti emergenti. Anche in quel caso, un altro messaggio sulla libertà delle donne: "Deve essere una libertà positiva, senza aggredire l'uomo e senza farsi aggredire. Bisogna sorridere, è fondamentale. Avere sempre tanta energia per chi non ce l'ha". 

5.993 CONDIVISIONI
45 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni