Ne La Casa di Carta 4 non ci sarebbero buchi di trama. A comunicarlo è Lucio Saccone, direttore del doppiaggio della fortunata serie tv Netflix. Qualche giorno fa Fanpage.it aveva scritto della possibilità che a proposito del vero nome di Denver, personaggio cui presta il volto l’attore Jaime Lorente, ci fosse un errore. Nell’ottavo episodio della seconda stagione, il rapinatore confessa a Monica Gaztambide di chiamarsi Ricardo. Nella quarta stagione, invece, l’amica d’infanzia Julia gli si rivolge chiamandolo Daniel. Un errore? No, stando a quanto dichiara a Hall of series il direttore del doppiaggio della serie.

Denver avrebbe mentito a Monica nella seconda stagione

Lucio Saccone sostiene che fin dall’inizio il vero nome comunicato nella scheda segnaletica del personaggio di Denver fosse Daniel: “Ce ne siamo accorti nel momento in cui abbiamo fatto l’adattamento. Le lavorazioni di Netflix non ci consentono di intervenire con modifiche al testo originale (tra l’altro Juanito\Julia chiama Denver ‘Daniel' più di una volta), a meno di errori macroscopici. E comunque la cosa va comunicata loro. In questo caso non c’è stata comunicazione proprio perché nel primo episodio della prima parte, quando gli elementi della banda vengono presentati, il cartello segnaletico relativo al personaggio di Denver riporta il nome ‘Daniel’”. Come si spiega, quindi, il momento della seconda stagione in cui Denver dice a Monica di chiamarsi Ricardo? Secondo il direttore del doppiaggio, il rapinatore avrebbe scelto di mentire alla donna della quale si era scoperto innamorato, al punto da decidere di fare da padre al suo bambino, nato dalla relazione con un altro uomo:

Diciamo che, una volta chiarito che il nome di Denver non è Ricardo, l’unica spiegazione plausibile è che nell’episodio della seconda parte Denver abbia deliberatamente mentito a Monica. Netflix ha fatto un controllo qualità del prodotto Casa di Carta relativamente a tutte le sue parti, non segnalando nulla in proposito. Dal punto di vista del pubblico capisco le perplessità, ma io rimango convinto della mia idea: secondo me non ci sono buchi di trama.

Il nome di Denver cambia solo nella versione italiana de La Casa di Carta

Va detto che è la sola edizione italiana della serie a riportare questa discrepanza nel racconto. L’episodio tradotto dallo spagnolo vede Denver riferire a Monica – non ancora entrata nella banda con il nome di Stoccolma – di chiamarsi Ricardo. Nella versione originale della puntata, invece, Denver sussurra il suo nome alla donna che ama a voce talmente bassa da rendere impossibile udire con chiarezza cos’abbia detto.