Ospite della puntata di domenica 22 novembre di Live-Non è la D'Urso è stata Jessica Alves, originariamente conosciuta con il soprannome di Ken Umano, quando era ancora Rodrigo, in seguito ai numerosi interventi di chirurgia estetica a cui si è sottoposta nel corso degli anni, per soddisfare l'immagine che aveva di sé stessa. È recente, infatti, la transizione da uomo a donna e proprio di questo suo ulteriore cambiamento, si è parlato nel corso dell'appuntamento domenicale di Barbara D'Urso. Molte le tematiche che sono state affrontate, alle quali la Alves ha risposto con molta chiarezza, sottolineando anche i limiti delle sue scelte. Eppure, non sono mancate le critiche da parte di ospiti come il Professor Lorenzetti.

Jessica Alves parla della sua transizione

"Questa è la decisione giusta per me, è la cosa migliore che sto facendo nella vita per me stesso, grazie a Dio che ho una famiglia favolosa, qui in Italia, a Londra, in tutto il mondo, ovviamente sto ancora facendo il mio percorso. Non è facile cambiare genere, in un mese o in un anno, ma sto arrivando, piano piano": queste sono le prime parole che Jessica Alves pronuncia in merito alla decisione di cambiare sesso. Un cambiamento che l'ha portata a modificare ancora una volta il suo aspetto, sebbene fosse ormai avvezza alla chirurgia estetica. Tra gli ospiti dello show di Canale 5, c'è anche la giornalista Candida Morvillo che non esita a porre qualche domanda scomoda all'ex Ken Umano: "Questo percorso è davvero una scelta interiore o è soltanto una transizione verso un altro giocattolo, un altro fenomeno da circo?" chiede la firma del Corriere, a cui la Alves risponde:

Sono d'accordo con te, con tutto quello che hai detto. Io un anno fa ho iniziato questa transizione e ancora sto imparando a camminare sui tacchi, ancora sto imparando che tipo di donna sono io, dove trovare i vestiti, sì forse sono una donna un po' troppo erotizzata adesso, prendo tante medicine, ormoni.

Il rapporto insano con la chirurgia

Questa sua transizione è stata oggetto di numerose critiche, dal momento che già prima di sottoporsi a questo ulteriore cambiamento il suo rapporto con la medicina e la chirurgia era stato ampiamente contestato e a questo proposito, riconoscendo questa sua ‘ossessione' ha dichiarato: "Già da quando ero maschio ci sono tante persone che mi amano e che mi adorano, che mi seguono su Instagram che mi guardano nella tv in tutto il mondo dove vado, però non voglio essere un esempio di chirurgia, perché ovviamente chirurgia non è una cosa sana da fare, però io ho avuto bisogno di seguire un percorso nella mia vita".  

Lo scontro con il Professor Lorenzetti

A questo proposito si è espresso il professor Lorenzetti, chirurgo plastico e spesso ospite nel salotto di Barbara D'Urso, che non ha esitato a scagliarsi contro l'abuso di interventi estetici che hanno totalmente modificato le sembianze di Jessica Alves, già sottopostasi a numerose operazioni per il solo gusto di vedere riflessa nello specchio un'immagine più rispondente ai suoi desideri. Lorenzetti, perciò, commenta quanto detto dall'ex Ken Umano:

Accetto anche il tuo cambiamento nonostante mi sembri tardivo. Ma ti sei guardata allo specchio? Quello che sta succedendo adesso è peggio di quello che hai fatto per essere Ken. Non hai forme equilibrate, nessuna bellezza, non c’è nulla di femminile, è solo un’esagerazione. Tutto quello che hai fatto ti fa male fisicamente. Non ci raccontare la favoletta, tu prendi tante sostanze, non usi solo il grasso. Il tuo percorso chirurgico è di follia. L’errore è di chi si presa per pochi soldi a fare queste cose oscene. Tu non vai dai migliori dottori al mondo, perché la gente seria non fa queste cose orrende. I chirurghi plastici seri non creano mostri del genere. Una cosa è la transizione, un’altra è far diventare le persone dei mostri. Folli loro e folle tu. Sì, io lo dico che sei un mostro. Non ti vorrei mai come paziente.

A queste accuse Jessica Alves risponde su tutte le furie, manifestando la sua rabbia per le offese ricevute: "Tu sei un dottore anti professionale. Nessun dottore viene in tv a dirmi che sono un mostro. Tu non hai la libertà di farlo, non ti conosco e non mi chiami mostro. Mostro sei tu, sei orrendo e sei un brutto mostro. Io ti farò un processo."