15 Settembre 2013
10:05

“Il segreto”, Maria Bouzas è la perfida Francisca Montenegro

Cattiva e senza scrupoli, è Donna Francisca Montenegro, madre dell’eroe positivo Tristan. Ad interpretare il personaggio della “padrona di Ponte Vecchio” è una bravissima Maria Bouzas.

Il grande successo della prima stagione de "Il Segreto" è dovuto anche alle interpretazioni appassionanti dei suoi protagonisti. Così, se Alex Gadea è l'eroe positivo, interprete dell'amatissimo Tristan, la protagonista cattiva è senza dubbio sua madre, Donna Francisca Montenegro, donna senza scrupoli, che non sa cosa vuol dire la compassione. E' su di lei, sulla sua vita, che si annidano i segreti inconfessabili che ruotano intorno a tutta la serie e che vanno ad influenzare la storia di tutti gli altri personaggi. Il caso più chiaro è nel rapporto che lo lega a Tristan, al quale svelerà che il suo vero padre non è suo marito, ma Raimundo. La "padrona di Ponte Vecchio" nella vita reale non è così perfida come ci aspetta: è Maria Bouzas, una delle attrici d'arte drammatica più brave della Spagna.

Nata nel 1962 a La Coruna, in Galizia, Maria Bouzas Xosé Rodriguez (questo il nome completo) è estremamente popolare in Spagna per aver interpretato da protagonista nelle soap televisive più importanti ("Terra de Miranda", "Un mundo de historias", "A Familia Pita"). A questo vanno aggiunte le numerose produzioni teatrali cui, ogni stagione, è impegnata con la "Marìas Company", della quale è co-fondatrice con un'altra attrice galiziana, Maria Pujalte.

 

 

Il Segreto: Dona Francisca furiosa per il matrimonio tra Juan e Soledad
Il Segreto: Dona Francisca furiosa per il matrimonio tra Juan e Soledad
Anticipazioni Il Segreto: Donna Francisca paga l'intervento chirurgico a Raimundo
Anticipazioni Il Segreto: Donna Francisca paga l'intervento chirurgico a Raimundo
Anticipazioni Il Segreto: Tristan rischia di essere fucilato
Anticipazioni Il Segreto: Tristan rischia di essere fucilato
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni