24 Aprile 2017
12:10

“Il Muro del Pianto si trova a Berlino”, la gaffe di un concorrente a “L’eredità”

La concorrente sbaglia la risposta più semplice attribuendo il Muro del Pianto a Berlino e non a Gerusalemme.
A cura di G.D.

Ancora una brutta gaffe all'Eredità. Il game show principe dell'access time di Rai1 è ormai una fucina di talenti inversi, concorrenti che indovinano risposte complesse ma che sbagliano le più semplici. Chiunque, infatti, abbia un minimo di cultura generale sa benissimo dove si trova il Muro Occidentale, conosciuto soprattutto come Muro del Pianto. Il simbolo della religione ebraica si trova nella culla della cristianità, Gerusalemme. La risposta della concorrente è stata sbagliata incredibilmente, destando sorpresa dal conduttore e dall'ultima concorrente rimasta in gara che dava per scontato che la sua avversaria fosse a conoscenza della risposta. Per la concorrente, il Muro del Pianto si trovava a Berlino.

Cos'è il Muro del Pianto e dove si trova

Il Muro Occidentale, noto anche come Kotel, è un muro di cinta che risale all'epoca del secondo Tempio di Gerusalemme. Conosciuto anche come Muro del Pianto, è considerato il luogo più sacro dell'Ebraismo. Erode il Grande costrui murì di cinta intorno al Monte Moriah, allargando la spianata posta sulla cima, sui cui furono eretti il Primo e il Secondo Tempio. Il Monte Moriah è detto Monte del Tempio. Nelle fessure del muro, gli ebrei infilano foglietti con sopra scritte delle preghiere.

"La città ligure famosa per fiori e canzoni è Genova": la gaffe memorabile a L'Eredità
"La città ligure famosa per fiori e canzoni è Genova": la gaffe memorabile a L'Eredità
"Me ne ha fatte tante Maria", a Emigratis 2 il muro di Berlino diventa quello di C'è posta per te
"Me ne ha fatte tante Maria", a Emigratis 2 il muro di Berlino diventa quello di C'è posta per te
‘Pene o pane’, la gaffe di Paolo Bonolis con la modella Erminia Grasso
‘Pene o pane’, la gaffe di Paolo Bonolis con la modella Erminia Grasso
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni