6 Maggio 2013
14:01

Il malore di Giulio Andreotti in diretta tv a “Questa Domenica” (VIDEO)

Era il 2 novembre del 2008 quando Giulio Andreotti si sentì male in diretta tv durante la trasmissione “Questa Domenica”, davanti ad una Paola Perego in preda al panico. Quest’ultima ha poi commentato quegli attimi di panico con Victoria Cabello nel corso di un’intervista nel salotto di Very Victoria.

Giulio Andreotti è morto oggi, alla veneranda età di 94 anni, ma già diverso tempo fa aveva fatto spaventare il pubblico che assisteva alla trasmissione "Questa Domenica" proprio per un falso allarme riguardo la sua salute. Era il 2 novembre 2008 quando la conduttrice Paola Perego stava tentando di iniziare l'intervista ad Andreotti con la domanda "Senatore, quale è il futuro dei nostri giovani?" e ha trovato di fronte a sè solo un volto catatonico e un silenzio preoccupante. "Senatore? Senatore?", il tono di voce allarmato, uno stacco pubblicitario che è arrivato improvviso e ha lasciato il pubblico interdetto. Dopo poco, il ritorno in trasmissione di un Andreotti alquanto disorientato, capace di dire "Sono contento del fatto che mi avete messo tra due belle ragazze invece che tra due ladroni. Bene, abbiamo finito, grazie, è andata bene la puntata", come se non fosse successo poi chissà cosa. Attimi di panico che Paola Perego ha poi raccontato e commentato nel salotto di La7 di Victoria Cabello, ponendo l'accento sulla scritta "Scherzi a Paola" e sulla voglia della simpatica conduttrice di smorzare quel clima di tensione che, sebbene solo per pochi minuti, ha imperato negli studi domenicali di Canale 5.

Giulio Andreotti intervistato da Costanzo, Carrà, Baudo e Bongiorno
Giulio Andreotti intervistato da Costanzo, Carrà, Baudo e Bongiorno
12.540 di MarzioFlavio
Giulio Andreotti intervistato da BIG di Rai Educational
Giulio Andreotti intervistato da BIG di Rai Educational
5.709 di Diana89
Il mondo della musica su Giulio Andreotti
Il mondo della musica su Giulio Andreotti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni