I Mitchell contro le macchine è il nuovo film d'animazione prodotto da Sony e distribuito da Netflix, disponibile dal 30 aprile sulla piattaforma di contenuti on demand. È un film divertente e dissacrante che grazie alla sua scrittura è in grado di unire tutta la famiglia davanti allo schermo. Un concept originale e irresistibile che, sfruttando tutti i tropi principali della storia della televisione e della cultura pop, inchioderà grandi e piccoli.

I Mitchell contro le macchine: di cosa parla

"I Mitchell contro le macchine" è un film d'animazione diretto da Mike Rianda e Jeff Rowe. I protagonisti di questo film d'animazione sono irresistibili: la famiglia Mitchell è composta da papà Rick, da mamma Linda, dalla figlia maggiore Katie, il piccolo Aaron e il carlino di famiglia, il piccolo Monchi. Quando Katie viene ammessa alla scuola di cinema, Rick decide che tutta la famiglia la accompagnerà per un ultimo grande viaggio di famiglia. Il loro viaggio verrà però stravolto dallo scoppio di una apocalisse tecnologica: tutti i dispositivi infatti decidono di ribellarsi agli esseri umani. La famiglia Mitchell dovrà unire le proprie forze per salvare se stessi e salvare il resto dell'umanità.

È un film per tutta la famiglia

Ma "I Mitchell contro le macchine" è un film adatto anche ai più piccoli? I genitori devono sapere che il film ha una serie di momenti divertenti ma riesce anche a distribuire qualche elemento di tensione tipico dei film di fantascienza. La sequenza in cui i robot iniziano la rivolta è disegnata benissimo, nulla di spaventoso, ma il clima e l'atmosfera potrebbe essere forse troppo pesante per i più piccoli sotto i sei anni. Nonostante questo, resta un film d'animazione che può essere tranquillamente goduto con tutta la famiglia, magari approfittando del weekend del primo maggio.