Il 3 aprile del 2010 moriva Maurizio Mosca. Italia1 lo ricorda con un documentario. Le immagini sono tratte da ‘Ricordando Mosca‘, il progetto realizzato da Andrea Sanna nel 2012. Il giornalista sportivo, che nel corso della sua lunga carriera ha messo a punto un modo del tutto personale di parlare di calcio, ha voluto che sulla sua tomba ci fosse scritto l'epitaffio: "Ho cercato di spargere allegria tra la gente".

Tra gli omaggi anche quello di Aldo Biscardi e Gianni Mura

‘Ricordando Mosca' andrà in onda venerdì 3 aprile alle ore 23:30 su Italia1. L'estratto del documentario ospiterà le testimonianze e i ricordi dei colleghi che hanno avuto modo di conoscere Maurizio Mosca. Tra gli omaggi a cui sarà possibile assistere quello di conduttori che il giornalista ha affiancato come Sandro Piccinini e Alberto Brandi. Poi il critico televisivo Aldo Grasso che di lui disse:

"Il Peter Pan della tv italiana, ogni giorno appariva su una rete differente, come ospite, come opinionista, come folletto. Come i bambini, mancava di senso dell’opportunità: si faceva catturare dal cinismo degli altri ospiti, cadeva con un sorriso smarrito nelle più maldestre trappole retoriche".

Inoltre, ci sarà l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, che con Mosca ebbe un rapporto di amicizia. E ancora Carlo Freccero, Gene Gnocchi, e l'ex allenatore del Milan e della Nazionale Arrigo Sacchi. Per chi lo volesse, sarà possibile assistere alla versione integrale del documentario che include anche l'omaggio di due giornalisti scomparsi: Aldo Biscardi e Gianni Mura. Il documentario ‘Ricordando Mosca', in versione integrale, è disponibile su SportMediaset e MediasetPlay.

Chi era Maurizio Mosca

Classe 1940, Maurizio Mosca iniziò la sua carriera giornalistica nel quotidiano ‘La notte' di Milano. Scrisse anche per La gazzetta dello sport, ma la sua collaborazione con il giornale finì quando il calciatore Zico lo accusò di aver pubblicato una sua intervista mai rilasciata. Mosca parlò di complotto ai suoi danni. Intanto, dopo aver lavorato in emittenti locali, approdò alla tv nazionale in programmi come ‘L'appello del martedì', ‘Il processo di Biscardi', ‘Guida al campionato' e ‘Controcampo'. In molti ricordano ancora i suoi pronostici calcistici fatti con il pendolino magico e le "bombe" di calciomercato.