Sono ore, ormai, che Linus è stato travolto dalle polemiche per quanto è accaduto durante la diretta della trasmissione che conduce in coppia con Nicola Savino, nel corso della quale quella che voleva essere una battuta goliardica si è trasformata nell'oggetto principale delle accuse rivoltegli sui social. Al centro della questione il cantante Harry Styles e il suo orientamento sessuale.

La battuta su Harry Styles

Durante la trasmissione radiofonica Deejay Chiama Italia, condotta da Linus e Nicola Savino, il noto deejay si è imbattuto in una gaffe non da poco. Parlando di Harry Styles, il cui nome è in trend da giorni sia per l'uscita del suo ultimo video, sia per questioni di carattere squisitamente gossipparo, che lo vogliono fidanzato con la regista e attrice Olivia Wilde, Linus ha dichiarato: "Ci sono anche anche molte interpretazioni sulla sua sessualità. Dicono che è guarito. Sto scherzando anche su questo, ovviamente. E dicono che stia con Olivia Wilde. Lei faceva Tredici in Doctor House". 

Le accuse rivolte a Linus

Questa affermazione ha generato le più disparate reazioni tra i fan della star inglese che hanno invaso Twitter di messaggi contro il presentatore radiofonico, indignandosi per aver fatto un'esternazione simile durante una trasmissione nazionale. Sul noto social network, infatti, in pochissimo tempo l'hashtag #radiodeejayisoverparty è diventato primo in tendenza, con tutti i rispettivi commenti all'accaduto, nient'affatto piacevoli.

La replica di Linus

La questione ha avuto un'immediata risonanza e non poteva certamente passare inosservata. Ragion per cui, Linus, ha voluto chiarire la sua posizione, sottolineando che la sua era ovviamente una battuta e che ha sempre condannato coloro che si ostinano a tacciare l'omosessualità come una malattia:

A proposito del “è guarito”. Chi ha ascoltato questa mattina avrà sentito anche che ho aggiunto ridendo, molto chiaramente, “sto scherzando “. Ed era evidente a chiunque fosse in buona fede che era semmai la presa in giro di quei mostri che ancora possono pensare una cosa simile. Proprio la scorsa settimana abbiamo parlato di un medico italiano che avrebbe voluto uccidere il figlio perché omosessuale, quindi la mia, la nostra posizione la conoscete.
A chi invece sta facendo polemiche pur non avendo sentito nulla (che è l’abitudine della rete) chiedo scusa lo stesso, così magari stasera dormirà soddisfatto. Fine.