La presenza di Giovanna Mezzogiorno a Domenica In, ospite per parlare dell'ultimo film di Daniele Luchetti Lacci, non è passata inosservata per l'atteggiamento dell'attrice, che durante il colloquio con Mara Venier è parsa spaesata, fuori fuoco, con toni estremamente compassati, non esattamente allineata a quelli che sono i tempi e i ritmi televisivi. Un dettaglio che diversi telespettatori non hanno mancato di sottolineare sui social, commentando in diretta quanto stava accadendo su Rai1 e sottolineando come l'attrice sembrasse stanca e provata mentre rispondeva alle domande sul suo lavoro e la sua vita privata. In realtà la sua "allergia" al piccolo schermo è cosa nota, Giovanna Mezzogiorno non ha mai negato un certo disagio a comparire davanti alle telecamere Tv, soprattutto in diretta.

Risale al 2017 un'affermazione esplicita sull'argomento, rilasciata in occasione di un'intervista al Corriere della Sera: "Andare in trasmissione mi fa soffrire, sì. Sono un pesce fuor d’acqua, non ho i ritmi televisivi, non capisco nulla di quello che accade intorno a me, gli studi mi sembrano trappole. Meglio dimenticare quello che mi è successo da Fazio…". Il riferimento era a quanto accaduto pochi giorni rima, nel corso di un'ospitata da Fabio Fazio a Rischiatutto che l'aveva messa decisamente a disagio, visto che il conduttore si era trovato costretto a troncare la puntata per l'incombere dei risultati dello spoglio elettorale. Giovanna Mezzogiorno aveva commentato così:

Trovo ci sia stata una mancanza di eleganza. Stava a lui mettermi a mio agio e darmi la possibilità di esprimermi in modo decente. Se invece quella sera c’era lo spoglio delle elezioni e si doveva troncare la trasmissione, doveva saperlo. Mica ero lì per un monologo. Dovevo dire due cose di lavoro, non parlare della mia ricetta della parmigiana di melanzane… se non puoi farmi parlare non mi invitare