"Si stasera t'avessa vasa'". Se c'è una frase delle canzoni di Gigi D'Alessio rimasta nella mente di molti, anche chi non ha familiarità con il napoletano, è proprio quella in dialetto che precede il primo ritornello di "Non dirgli mai". Era la prima volta a Sanremo per il cantante partenopeo, che si rivelò protagonista di quell'edizione del Festival, nonostante un piazzamento discreto nella classifica finale.

Quel passaggio all'Ariston segnò il definitivo salto nazionale di D'Alessio, che di strada ne ha fatta tanta, arrivando fino alla prima serata di Rai1 con uno show tutto suo, condotto insieme a Vanessa Incontrada: 20 anni che siamo italiani.

Durante l'ultima puntata il cantante ha raccontato un aneddoto particolare riferito a quella canzone e, in particolare, proprio a quella frase in dialetto. Nel corso della trasmissione Flavio Insinna mostra un estratto di un'intervista di Gigi D'Alessio a Sottovoce, antecedente al debutto sanremese. Quando Marzullo gli chiede se parteciperebbe mai a Sanremo lui sottolinea che lo farebbe, ma solo se gli organizzatori accettassero anche testi in napoletano, per non dover rinunciare alla sua lingua.

L'aneddoto su Non dirgli mai

Tornati in studio D'Alessio scherza sulla questione, ammettendo di aver rinunciato a questa prerogativa, ma aggiunge anche che lui il napoletano in "Non dirgli mai" lo ha inserito, anche con un escamotage. "Al tempo era del tutto vietato cantare in dialetto a Sanremo e io devo ammettere che durante le prove quella parte in napoletano non la cantavo".

Il primo Sanremo di Gigi D'Alessio nel 2000

Era il febbraio del 2000 e Gigi D'Alessio faceva il suo esordio al Festival di Sanremo con "Non dirgli mai". Il successo arriva soprattutto dopo il festival, con il disco d'oro e il concerto di quella stessa estate in piazza del Plebiscito, che catapulta D'Alessio tra le celebrità della musica italiana.