Nella nona puntata del Grande Fratello Vip si affrontano, come sempre, le dinamiche più vive all'interno della Casa e tra gli argomenti più caldi di questi giorni c'è la teoria secondo cui alcuni degli inquilini siano poco avvezzi ad esprimere le loro vere opinioni. I cosiddetti "comodini", coloro che si tengono lontani da discussioni, commenti e giochi vari. A lanciare il primo allarme è stato Tommaso Zorzi, da cui sono partite diverse "invettive" nei confronti di altri compagni di avventura, come Andrea Zelletta o anche Enock.

La coalizione in casa

"Matilde Elisabetta Enock Andrea sono un po' una specie di Svizzera, dove tutto si ammortizza tra di loro, un po' si parano il c**o" così parla Tommaso Zorzi in confessionale, lamentando il fatto che ci sono alcune persone all'interno della casa che non partecipano attivamente alle dinamiche del reality, ma quasi se ne stanno in disparte. La discussione si fa più accesa quando l'influencer parlando con Andrea Zelletta, immune grazie al voto degli altri coinquilini, sottolinea il fatto che la sua persona sia stata capita e apprezzata da tutti in casa, ma Zorzi avanza l'ipotesi che, invece, possa trattarsi di un atteggiamento appositamente studiato, ma la risposta non tarda ad arrivare: "Non so creare le dinamiche, sono scarso, la mia soddisfazione personale è che voi mi abbiate nominato come immune, vuol dire che vi ho lasciato qualcosa di buono".

Lo scontro tra Tommaso Zorzi e Andrea Zelletta

Anche in puntata, ovviamente, viene affrontata la questione e dopo aver visionato la clip è proprio l'ex volto di Uomini e Donne a prendere la parola: "Tommaso non mi ha nominato comodino, lui ha parlato di una coalizione, che non esiste. Si tratta di un gruppo di persone con cui mi fa piacere passare del tempo. io non mi nascondo dietro ad una maschera, se non ho piacere a passare del tempo con una persona, non ci parlo". Ovviamente, Tommaso Zorzi non ha esitato a replicare con la sua solita schiettezza, rimarcando quanto avesse già detto in confessionale: "Io ho percepito che ci sono persone che hanno stretto dinamiche tra di loro, è ovvio che il gruppo ti ovatta da certe dinamiche. Non capisco perché si scaldano, non ci vedo niente di negativo nell'avere una strategia." 

I "comodini" della casa

La questione continua e sono anche altri ad essere individuati come "comodini", stando ai voti all'interno della casa quelli più votati sono proprio Andrea Zelletta, Guenda Goria e Massimiliano Morra. Tutti e tre, infatti, sono stati ritenuti poco propensi ad esporsi, ma ognuno di loro ha dichiarato i motivi per i quali decide di non intromettersi nelle dinamiche altrui. Massimiliano, ad esempio, dichiara: "Io sono già molto esposto e in certe dinamiche non ci voglio neanche entrare", pensiero condiviso proprio da Zelletta che dice piuttosto piccato in confessionale: "Io sono fatto così, non la guardo nemmeno in faccia ad una persona che mi sta sul cavolo".