31 Marzo 2018
22:44

Gerry Scotti a “C’è Posta per Te”, il conduttore commosso dalla dolorosa storia di una famiglia

Il conduttore fa da “testimone” ai ringraziamenti di Nunzia nei confronti del figlio Francesco, che le ha letteralmente salvato la vita, facendo da donatore per un trapianto, ed ha rinunciato alla spensieratezza della sua gioventù per starle vicino.
A cura di A. P.

Gerry Scotti tra i protagonisti dell'ultima puntata di C'è posta per te (qui il racconto). A volerlo in studio è Nunzia che chiama il programma per suo figlio Francesco. alla De Filippi ha raccontato di essere stata malata,di un male che ha cambiato la sua vita e, inevitabilmente, quella del figlio. Come è abituale per queste storie, la donna vuole chiedere scusa al figlio, si sente colpevole di avergli tolto la spensieratezza della sua adolescenza. La storia di Nunzia e Francesco è particolare, perché il ragazzo ha fatto da donatore alla madre quando ha dovuto subire un trapianto.

Ha scoperto della malattia nel giorno in cui suo figlio compiva 18 anni, raccontandoglielo pochi giorni dopo. A gennaio del 2016, dopo aver pensato di essere guarita, si è accorta che la malattia era tornata. A quel punto aveva deciso di arrendersi e tornare a casa sua. È stato Francesco a spingerla a curarsi, e quando il trapianto si è reso necessario, suo figlio le ha fatto da donatore.

Nunzia rivolge al figlio bellissime parole per fargli capire il motivo per il quale lo ha chiamato: "Con questa barchetta passavi il tuo tempo al mare, immerso nei tuoi pensieri. Le barche sono la tua passione. Se potessi ti regalerei la più bella barca del mondo perché sei un figlio speciale. Ti amo con tutto il cuore e se oggi sono viva, è merito tuo. Quando ti hanno detto che dovevi essere tu il mio donatore, mi hai detto che volevi restituirmi la vita che ti avevo donato". Tra i ringraziamenti della donna nei confronti del figlio ci sono anche quelli per aver sopportato conseguenze di queste difficoltà:

Hai perso la ragazza a causa mia e agli esami del diploma non sei andato come avresti voluto. Oggi che io e il mio compagno siamo senza lavoro, sei tu che provvedi a noi con il tuo stipendio da operaio. Adesso guarda in cima alle scale.

L'ingresso in studio di Scotti, commosso

A quel punto Gerry Scotti fa il suo ingresso in studio e abbraccia Francesco. Il conduttore si era ripromesso che questa volta non si sarebbe commosso, ma non è riuscito nel suo intento: "Sei pure bello – dice a Francesco – perché solitamente quando le infermiere si complimentano alla nascita, poi uno diventa uno scorfano". Scotti continua:

La vostra è una storia bellissima. Sai che mi commuovo, però sono entrato con il sorriso perché questa è una bellissima storia di amore e speranza. Sei un esempio per le persone che ci stanno guardando. Oggi leggevo sul giornale fatti di cronaca tra genitori e figli terribili. Trovare un esempio come te è stupendo. I miei genitori se ne sono andati in una notte  e non hai il tempo di pensare a quello che daresti per riaverli indietro. In alcuni casi non puoi decidere".

I doni di Gerry Scotti

Scotti regala a Francesco un pc, ritenendolo un piccolo dono: "Ricordati che la tempesta più grande l'hai già guardata in faccia". Consegna a Nunzia un altro regalo con un invito: "Devi prometterci di abbandonare questo senso di colpa. Dentro questa barca c'è una sorpresa perché servono anche dei gesti importanti".

Gerry Scotti piange per i ragazzi di PizzAut: "Dignità e speranza per gli autistici grazie al lavoro"
Gerry Scotti piange per i ragazzi di PizzAut: "Dignità e speranza per gli autistici grazie al lavoro"
La lettera di Gerry Scotti a Fabrizio Frizzi: "Ti ho ammirato, hai lasciato il segno"
La lettera di Gerry Scotti a Fabrizio Frizzi: "Ti ho ammirato, hai lasciato il segno"
L’ultima puntata di C’è posta per te del 31 marzo 2018 (DIRETTA LIVE)
L’ultima puntata di C’è posta per te del 31 marzo 2018 (DIRETTA LIVE)
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni