20 Dicembre 2013
18:17

“Gay Ingenui” a Natale, non aspettatevi il lieto fine (VIDEO)

Due giorni dopo il successo ai Web Show Awards 2013, dove sono stati premiati come migliori videomaker dell’anno, i ragazzi napoletani pubblicano un altro episodio della saga di “Gay Ingenui”, questa volta in versione natalizia e senza lieto fine.
A cura di A. P.

Il successo riscosso ai Web Show Awards, dove sono stati insigniti del riconoscimento di "Migliori videomaker" dell'anno 2013, non ha fatto che confermare il talento dei The Jackal, che non arrestano la loro corsa. Dopo il corto "The Parker", seguito di "The Washer", realizzato in collaborazione con Fanpage.it, esce proprio oggi sui loro canali ufficiali il nuovo episodio dai sapori natalizi della gag/serie "Gay Ingenui". Non cambia il plot, che come noto vede Ruzzo Simone e Ciro Priello recitare la parte di due amici particolarmente legati, che si scambiano gesti d'affetto e gentilezze spontanee, celando la loro omosessualità latente dietro una mascolinità di facciata. Ovviamente si muove interamente su un tappeto di ironia, elemento imprescindibile per la factory napoletana, che fa appunto della risata, o meglio del sorriso, la propria cifra stilistica.

Dopo i tanti riconoscimenti, ci si è più volte chiesti se il salto di grado successivo non sia fisiologicamente quello del passaggio al cinema, viste le capacità comunicative del gruppo, l'esperienza tecnica e la conoscenza per la messa in pratica delle tecniche di realizzazione, nonché la fortuna di poter lavorare divertendosi in gruppo. Questo episodio di Gay Ingenui, in pieno stile americano, termina con la presentazione di altre serie immaginarie, tra le quali, ad esempio "Cinesi che non sanno fare Kung Fu".

"Dove c'è Barilla, c'è Gay Ingenui", i 5 best moments (VIDEO)
Gay Ingenui collettivo ai Web Show Awards
Gay Ingenui collettivo ai Web Show Awards
2.338 di antofox
Il lieto fine di Al Bano e Romina, Cristel:
Il lieto fine di Al Bano e Romina, Cristel: "Siamo tutti felici"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni