Paolini insulta Minzolini al Tg1

Paolini interrompe un collegamento in diretta del Tg1 e insulta Minzolini

paoloni offende minzolini

L'incubo degli inviati televisivi che preparano per ore il loro servizio da lanciare in diretta nelle edizioni dei telegiornali nazionali è rappresentato da Gabriele Paolini, il disturbatore per eccellenza, colui che grazie ad "un'arte non arte"è riuscito a diventare il più grande rappresentante italiano dell'irruzione nelle dirette tv per lanciare messaggi di vario genere: dalla battaglia a fare della prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili attraverso l'uso di condom ai veri e propri attacchi personali verso personaggi noti della poltica e dello spettacolo. L'ultima sua apparizione eclatante era avvenuta a Studio Sport e in quell'occasione Paolini ha urlato "Berlusconi usa la pompetta".

Paolini ha interrotto un servizio su Soter Mulè

Ma l'infaticabile disturbatore oggi è tornato a colpire ed è tornato in Rai scegliendo l'edizioni del Tg1 delle 13.30 e mirando su un bersaglio preciso: Augusto Minzolini. Mentre stava in onda un servizio in diretta dal Tribunale di Roma in cui l'inviato stava facendo il punto della situazione sull'interrogatorio di Soter Mulè, l'ingegnere romano arrestato per l'omicdio di una ragazza di 24 anni durante un gioco erotico e per aver ridotto un'altra giovane donna in gravi condizioni. Mentre ci si preparava al solito tuffo nella cronaca nera, questa volta infarcita di dettagli hot che alimentano la curiosità morbosa del pubblico.

Il messaggio di Paolini contro Minzolini

Il contenuto del suo messaggio che ha urlato anche se è stato velocemente allontanato dalle telecamere è stato: "Minzolini str****". Non è servito allontanarlo dall'inquadratura e sospendere velocemente il servizio, Paolini ha colpito con freddezza e precisione e il suo urlo si è sentito molto chiaramente. La scelta di interrompere proprio questo servizio potrebbe derivare da una contestazione contro le scelte editoriali del telegionale della rete ammiraglia del servizio pubblico che preferisce servizi di cronaca nera pruriginosa a notizie più importanti.