Gabriel Garko è intervenuto come ospite a Domenica In, nella puntata in onda domenica 9 dicembre. L'attore è tornato a parlare del suo rapporto con l'esposizione mediatica, che spesso l'ha messo a dura prova. Insofferente alle critiche per lo più gratuite che il pubblico riversa sui social contro i personaggi pubblici, è stanco di dover rispondere alle insinuazioni su una sua presunta omosessualità tenuta nascosta.

Garko, la scelta di fare analisi e le parole sulla presunta omosessualità

In passato, Garko ha più volte smentito di essere gay. Oggi, sceglie semplicemente di non rispondere più alle domande sulla sua vita privata, ammettendo che le critiche l'hanno aiutato a crescere e convinto sull'importanza di lavorare su se stessi: "Continuo ad andare dallo psicologo: non vuol dire essere malati, ma guardarsi allo specchio e vedere come si è". L'attore, però, rifiuta ogni etichetta:

 La società non ci lascia la libertà di essere come si vuole nella vita. Chi ha detto che bisogna sposarsi e fare figli? La normalità è soggettiva, cosa vuol dire essere normale? Per me è una cosa, per te è un'altra. A certe domande non voglio rispondere più. Se guardi davvero le vite delle persone, ce ne sarebbe da giudicare. Perché farlo solo con i personaggi pubblici? Mi hanno attaccato anche quando ho detto che oggi mi circondo solo di due tipi di persone: quelli a cui voglio bene e quelli che uso per il mio lavoro. Questa è una cosa che fanno tutti, perché negarlo?

Garko single? Mostra la fede a Mara Venier

Al momento, del resto, non è neppure chiaro quale sia il legame tra Garko e l'attrice Adua Del Vesco, con cui si parlava di nozze solo un anno fa. La Venier, però, ha provato a sondare il terreno: "Sei single?". "Che domande fai?", è stata la risposta di Garko, che è deciso a non sbottonarsi ulteriormente, ma al contempo ha mostrato alla conduttrice l'anello che porta all'anulare della mano sinistra, e che ha tutta l'aria di essere una fede. La Venier è rimasta stupita e lui è stato enigmatico: "Se sono sposato? Potrei esserlo. Ho detto ‘potrei'!". Il mistero, insomma, resta tale.