Si sono svolti a Windsor i funerali del Principe Filippo, in forma strettamente privata secondo le regole del distanziamento sociale e con soli 30 partecipanti, così come avrebbe voluto il duca di Edimburgo, che aveva richiesto una cerimonia "senza fronzoli". Un funerale intimo e riservato, strettamente familiare, ma al tempo stesso insolito per la famiglia reale. Il Principe Filippo aveva studiato tutto nei minimi dettagli, dalla bara disegnata da lui stesso, al carro funebre, il Land Rover che il Duca ha utilizzato per una vita intera.

La processione al Castello di Windsor

La Gran Bretagna, alle ore 15 locali di sabato 17 aprile, ha omaggiato il Duca di Edimburgo con un minuto di silenzio dopo i tradizionali fischi dei reparti della Marina. Il feretro è partito dal Castello di Windsor e si è spostato di poche centinaia di metri verso la Cappella di San Giorgio per la funzione religiosa, alla presenza di sole 3o persone, distanziate e con la mascherina sul viso. Distanti tra loro i nipoti William e Harry, separati dal cugino Peter Phillips, che hanno seguito la processione a piedi, mentre la Regina Elisabetta ha seguito a bordo di una Bentley.

La funzione religiosa nella Cappella San Giorgio

Durante la funzione religiosa nella Cappella San Giorgio, il decano ha ricordato come il principe Filippo sia stato sopra ogni cosa un grande esempio di lealtà verso la Regina, un esempio per tutta la nazione. Elisabetta si è seduta in prima fila, con un grande cappello nero a coprire il viso. Il principe Harry, distante da William, si è chiuso in un momento di preghiera e di dolore, come immortalano le immagini trasmesse in diretta. Nessun sermone, così come ha disposto lo stesso Duca di Edimburgo, mentre è intervenuto l'arcivescovo di Canterbury che ancora una volta ha ribadito il senso di servizio che ha distinto per tutta la vita il Principe Filippo.