Francesca Senette si prepara a tornare in tv. A partire dal 14 maggio, infatti, condurrà ‘Yo Yoga!' su DeAJunior, canale 623 di Sky. La giornalista si propone di avvicinare i bambini allo Yoga, una disciplina che lei stessa ama e pratica da ormai due anni e mezzo:

"Da due anni e mezzo mi sono innamorata perdutamente della pratica dello yoga: prende molta parte di te e ti porta a parlare quasi solo di quello, come fanno le donne che aspettano un bambino e parlano solo della loro pancia. Sono diventata una specie di volano dello yoga, lo dico a tutte le persone che conosco".

Nel suo passato, l'addio inaspettato alla Rai. In un'intervista rilasciata a Corriere.it, ha parlato di quanto accaduto nel 2009. Francesca Senette si preparava a condurre una nuova edizione del programma ‘Italia allo specchio'. Mancavano, ormai, una manciata di giorni alla prima puntata ma la telefonata di un giornalista le svelò che le cose non sarebbero andate come si aspettava:

"Il 30 di agosto, non lo scorderò mai. Mi ha detto: ‘Ciao, volevo sapere come commentavi la tua sostituzione'. E io: ‘No, hai avuto notizia sbagliata, tra 8 giorni comincio'. Da lì ho provato a chiamare i miei referenti di allora e nessuno mi rispondeva. Così sono andata a Roma per parlare con l’allora direttore che mi ha accolta con una specie di plotone di esecuzione: sei uomini davanti a me, e mi ha detto che non ne faceva una questione di professionalità ma di scelta editoriale".

Quel forte stress ebbe delle conseguenze "anche dal punto di vista fisico. Ricordo che avevo perso tre chili in una settimana. Mi sono ritrovata improvvisamente ad avere tutta la giornata libera non sapendo cosa fare, non avendo proprio la più pallida idea. Mi sono fatta dei discreti pianti, ho somatizzato un po’ di rabbia. Sono più difficili da metabolizzare le cose che non hanno senso. Mi sentivo solo come quella che si era messa in discussione e avevo perso". Oggi, però, non esclude la possibilità di collaborare di nuovo con la Rai:

"Specie quella di oggi, molto diversa da quella che mi ha catapultata dalla rampa di lancio, da un momento di grande ascesa, a rimanere a casa senza una motivazione, una spiegazione, una logica. In più, con un contratto in esclusiva che mi ha bloccata per un anno. Una botta importante".