In Rai stanno ripartendo tutte le principali produzioni, ma il tema principale ad ogni conferenza stampa di presentazione che si rispetti, resta sempre uno: Sanremo 2021. Un tema sul quale tra i vertici dell'azienda e i conduttori del prossimo festival, Amadeus e Fiorello riconfermati in tandem, rischiava di crearsi una spaccatura sul tema Covid e l'eventualità che il festival sia costretto ad andare in scena senza pubblico.

Le rassicurazioni di Stefano Coletta

A chiarire ancora una volta la linea dell'azienda è stato Stefano Coletta in occasione della conferenza stampa di presentazione di Tale e Quale Show, in partenza venerdì 18 settembre su Rai1. "La Rai rintraccerà la soluzione migliore per Sanremo2021 – ha detto Coletta – mancano ancora 6 mesi. Sanremo ci sarà e troveremo la formula migliore". Se fino a ieri l'amministratore delegato Salini era stato vago sulle date della kermesse, ritenute il solo dato soggetto a possibili variazioni, Coletta dà date certe, contemplando eventuali spostamenti:

Andrà in onda, e lo confermo, dal 2 al 6 marzo. Se tornerà il lockdown, capiremo cosa fare.

Il pubblico dell'Ariston monitorato

Un altro messaggio per Amadeus e Fiorello, dopo che entrambi, nei giorni scorsi, hanno espresso chiaramente la loro opinione ritenendo infattibile il Festival di Sanremo senza pubblico all'Ariston. Ma anche su questo Coletta ha voluto rassicurarli, intuendo che il dissenso si potesse scatenare proprio su questo punto: "Stiamo lavorando per portare al Festival di Sanremo un pubblico tamponato e monitorato. Ieri in Rai c'è stata una lunga riunione di tutti i direttori di rete con l'ad Fabrizio Salini sul tema pubblico e intrattenimento, stiamo studiando formule che garantiscano sicurezza, negli studi tv più si è e più il rischio sale, e la positività degli spettatori vanificherebbe tutte le misure di sicurezza adottate per i cast". Il tema del pubblico negli studi televisivi, e quindi all'Ariston, è dunque all'ordine del giorno.