Sin dalle prime settimane dell'emergenza Coronavirus in Italia, Fedez e Chiara Ferragni si sono attivati per aiutare concretamente gli italiani in questo momento di grande difficoltà. La coppia ha avviato una raccolta fondi che ha superato i 4 milioni di euro. Così, è stato possibile costruire da zero e in soli dodici giorni, un nuovo reparto di terapia intensiva presso l'ospedale San Raffaele di Milano. Presto il reparto sarà operativo e potrà accogliere i malati che stanno lottando contro il Coronavirus. Fedez, nella giornata del 22 marzo, ha parlato dei frutti della raccolta fondi sia a ‘Domenica In‘ che a ‘Che tempo che fa‘.

I risultati della raccolta fondi di Fedez e Chiara Ferragni

Fedez ha raccontato a Mara Venier quando, insieme alla moglie Chiara Ferragni, ha avvertito l'esigenza di fare qualcosa per arginare l'emergenza Coronavirus in Italia: "Verso il primo decreto, quello più stringente, ci siamo interrogati su come mettere a disposizione quello che è il nostro potere divulgativo per cercare di fare qualcosa di utile. È vero, è stata raccolta una cifra importante ed è sicuramente bello. Però la cosa più importante è che da questa campagna ne sono seguite tantissime altre. Si è innescata un'ondata di partecipazione e solidarietà, che ha fatto bene anche all'umore del Paese". Mara Venier, allora, gli ha chiesto quando sarebbe stato aperto il reparto di terapia intensiva al San Raffaele e Fedez ha annunciato:

"Domani. Domani, una prima parte delle terapie intensive verrà inaugurata. È stato preso un campo sportivo dell'università adiacente alla struttura ospedaliera ed è stato completamente riconvertito in un reparto di terapia intensiva. Si è deciso di ampliare i lavori e seguire la stessa conversione per il campo vicino e si stanno studiando i lavori per un'area più grande. Diciamo che i posti letto aumenteranno in maniera importante e aiuteranno ad alleggerire gli ospedali che in questo momento sono in prima linea e rischiano di implodere per il numero di malati che hanno da gestire".

Infine ha riflettuto sulla grande utilità che il web può avere se usato nel modo giusto e non come un mezzo in cui riversare il proprio odio e la propria rabbia: "Questa campagna l'abbiamo spinta completamente con Internet. Spesso si pensa che il web sia una grande cloaca. In questo caso si è visto che può essere una grande risorsa. Secondo me è importante ricordarcelo. Cosa dico ai giovani? Sentitevi tutti responsabili in un'accezione positiva e tentate di contribuire perché questa emergenza rientri il più presto possibile".

Fedez a ‘Che tempo che fa'

Fedez è stato ospite anche del programma ‘Che tempo che fa', dove ha espresso la sua felicità nel riscontrare i risultati raggiunti dalla raccolta fondi: "Sono contento della scia di positività che ha lasciato questa campagna che va oltre il piccolo, grande miracolo che sono riusciti a fare al San Raffaele, dove verrà ampliato ulteriormente il progetto". Quindi ha ribadito la nascita di diverse campagne di raccolta fondi e ha annunciato: "In questi giorni ho lavorato con dei volontari per realizzare un censimento delle campagne, per capire quali siano le campagne in cui i soldi vanno veramente alle strutture".