Nelle scorse ore è morto Claudio Ferretti, giornalista Rai del Tg3 e voce di Tutto il calcio minuto per minuto, nonché volto televisivo noto per aver seguito il Giro d'Italia e per alcune trasmissioni, tra cui Telesognicondotta con Umberto Broccoli. Programma in cui faceva i suoi esordi Enrico Lucci, che poi negli anni successivi avrebbe riscritto l'idea di inviato televisivo con il suo lavoro a Le Iene. Lucci aveva parlato dell'importanza di Claudio Ferretti nella sua carriera in un'intervista a La Vita in Diretta di un anno fa: "De tutta la mia vita a Claudio Ferretti", aveva raccontato:

L'ho conosciuto durante l'occupazione dell'università di Lettere, chiamarono uno studente e l'assemblea votò me. Arrivai in Rai e lo conobbi per tre secondi. Poi sono andato a lavorare a una televisione di Genzano, si chiamava Rete Azzurra. Chi è la persona più importante che ho conosciuto in vita mia? mi chiesi. Un anno fa Claudio Ferretti, era la risposta. Lo chiamai e lui non ricordava chi fossi. Gli dissi che cercavo qualcuno che mi insegnasse a fare questo mestiere, volevo aggrapparmi a uno che me lo dicesse. Gli chiesi qualche consiglio e la cosa bella della vita è che incontri delle persone meravigliose in un momento giusto. Io ero uno sconosciuto ma lui mi disse di venire a via Teulada per insegnarmi a fare un servizio. Per tre anni l'ho massacrato, stavo qua fuori dalla Rai ad aspettarlo. Dopo tre anni gli assegnarono un programma e mi proposi, quindi mi chiamò per farmi fare un contratto di collaborazione con la Rai.

A poche ore dalla morte di Claudio Ferretti, Enrico Lucci ha condiviso sui social un ricordo fotografico insieme al giornalista: "Claudio Ferretti persona rara. E' stato un onore". Grazie a Telesogni, nel 1996 Enrico Lucci si aggiudicò il premio giornalistico Ilaria Alpi.

https://www.facebook.com/Enrico-Lucci-473344142748847/

La carriera di Claudio Ferretti

Claudio Ferretti iniziò la sua carriera televisiva in qualità di conduttore del Tg3. Più tardi, gli venne affidato il timone di programmi sportivi come È quasi goal, che vedeva nel cast anche Sandro Ciotti, e ancora Telesogni e Anni azzurri. Negli anni '90 diventò il capo della redazione sportiva del Tg3. Inoltre, per due anni, fino al 2000, accompagnò gli spettatori lungo il Giro d'Italia con il programma Il processo alla tappa. Claudio Ferretti fu anche autore. Tra i libri scritti, alcuni volumi dedicati alla Rai come RicordeRai e Mamma Rai e allo sport come Tutto il ciclismo, l'Enciclopedia dello sport, 100 anni azzurri. Nel 2010, poi, ha festeggiato i 50 anni del programma Tutto il calcio minuto per minuto, tornando alla conduzione in occasione di una puntata speciale.