16 Aprile 2014
22:17

Emergenza migranti in Sicilia: ecco come vengono trattati i minori

Filippo Roma mostra le immagini inedite dei migranti minori sbarcati ad Augusta: condizioni igienico-sanitarie “terribili” e poche tutele verso chi meriterebbe più attenzione. Ecco cosa è stato scoperto…
A cura di Fabio Giuffrida

Filippo Roma racconta a "Le Iene" la vita dei migranti minori ad Augusta: pare, infatti, che nei centri d'accoglienza ci sarebbero condizioni igienico-sanitarie "terribili", che tutti vivrebbero quasi ammassati e che ci sarebbe anche il rischio di contrarre malattie. L'Italia dovrebbe garantire maggiori tutele a favore dei minori e Save The Children sta facendo di tutto per aiutarli, per cercare di soddisfare le loro richieste. Molti di questi vorrebbero andare via, fuori dall'Italia oppure a Roma o Milano. Qualcuno cerca di sfuggire con bus, altri con treni, altri ancora provano a chiamare i propri parenti. "E' un sistema al collasso!" dicono tutti coloro che sono stati interpellati da "Le Iene". I minori, infatti, potrebbero essere trattenuti nei centri d'accoglienza per un massimo di 72 ore ma, stando a quello che riporta il programma di Italia 1, rimarrebbero lì addirittura per 5-6 mesi. Così molti di questi, non sentendosi tutelati, scappano via e finiscono per strada.

Il commissario prefettizio del comune di Augusta ha parlato di un'emergenza, di mancanza di risorse economiche e di un numero elevato di migranti arrivati ad Augusta che tra l'altro sarebbe pure in dissesto finanziario. Insomma una situazione che al momento, pare, non abbia alcuna soluzione.

Andrea Carboni - Il Male Minore (ESCLUSIVA)
Andrea Carboni - Il Male Minore (ESCLUSIVA)
23.539 di Esclusive
Numphomaniac - Vol. 2: il trailer italiano (versione hard)
Numphomaniac - Vol. 2: il trailer italiano (versione hard)
1.092 di CineMust
Antonio Marziale su Domenica Live hot:
Antonio Marziale su Domenica Live hot: "La D'Urso nei fuori onda si lamentava con gli autori"
14.198 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni